Videocamere di sicurezza aperte ai guardoni di Internet

Una semplice ricerca con Google apre le porte delle videocamere IP. Mettendo a rischio i luoghi che dovrebbero proteggere o violando la privacy dei cittadini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2011]

IP camera accesso via Internet

Le videocamere di sicurezza controllabili via Internet - le cosiddette IP camera - sono utili perché permettono di tenere sotto controllo un ambiente a distanza sfruttando le risorse del Web.

Per questo motivo sono largamente impiegate da privati per proteggere le proprie attività (per esempio un negozio) ma anche dalle amministrazioni di vario livello a scopo di videosorveglianza, con l'idea sottintesa per cui le immagini riprese sono visibili soltanto dagli addetti (assicurazione in base alla quale molti sono disposti a rinunciare alla propria privacy in nome della sicurezza).

Invece spesso chi le utilizza non si rende conto di quanto sia importante configurarle affinché non mettano le loro immagini a disposizione di chiunque ne conosca l'indirizzo IP o sappia utilizzare Google.

Secondo un'indagine di Tom Connor di Ars Technica, le videocamere IP accessibili pubblicamente e scovabili utilizzando alcuni specifici parametri di ricerca da inserire in Google sono moltissime, e in troppi casi il loro status di "videocamere pubbliche" è del tutto non intenzionale.

"Una volta che una videocamera IP è installata e online, gli utenti possono accedervi e hanno bisogno solo di un browser e di un'applet (tipicamente Flash, Java o ActiveX) per vedere le riprese in tempo reale o registrate, controllare le videocamere stesse o accedere alle impostazioni" spiega Connor.

Conoscendo i modelli delle videocamere e utilizzando parametri come intitle, inurl, intext e altri, Google restituisce tra i risultati le pagine di diverse videocamere.

Anzi, il fenomeno è così diffuso che esistono siti e forum espressamente dedicati a scovare videocamere involontariamente accessibili.

Il problema è che tra queste ci sono quelle che permettono di visualizzare l'interno di quei luoghi - negozi, uffici, persino banche - che dovrebbero proteggere e invece contribuiscono a rendere più vulnerabili, fornendo ai malintenzionati informazioni utilissime.


Persino la videocamera di una gioielleria
è accessibile via Internet

Tom Connor spiega anche di essere riuscito ad accedere alle videocamere di tre semafori in Texas, di cui avrebbe anche potuto modificare le impostazioni, per non parlare delle otto videocamere che trasmettevano contenuti pornografici live.

Eppure sarebbe semplice utilizzare gli strumenti messi a disposizione dai software che accompagnano le videocamere per evitare accessi indesiderati (a partire dalla modifica delle credenziali di default): chiunque ne gestisca una farà bene a controllare le proprie impostazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Assolutamente d'accordo, per˛ Ŕ difficile contrastare la stupiditÓ umana e l'incompetenza di certa gente, anche se bisogna comunque provarci... :cry: Leggi tutto
29-1-2011 18:00

come sempre non Ŕ un problema del mezzo (la ip camera) ne del veicolo di traffico (la rete) ma dell'incompentente che la installa e la utilizza
29-1-2011 15:30

Meglio tardi che mai.... 8) 8) 8)
22-1-2011 11:06

Si sono accorti adesso????? :shock: Da anni che si sfrutta questo, si vedono carceri USA, locali privati, TV pay (senza pagare), persino spie (magari lasciate da guardoni) di toilette pubbliche e private se non propri e veri bagni privati e spogliatoi, ecc. ecc.. :oops: :oops: :oops: :oops: Ciao
20-1-2011 20:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa scarichi pi¨ spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (2281 voti)
Marzo 2023
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 marzo


web metrics