Ceglia vuole il 50% di Facebook: "Mi spetta e posso provarlo"

Uno scambio di email con Zuckerberg sembra dare ragione al web designer di New York.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-04-2011]

Zuckerberg Ceglia 50% Facebook scambio email

Paul D. Ceglia, il web designer di New York che afferma di possedere almeno il 50% di Facebook, è tornato alla carica.

Dopo le rimostranze avanzate lo scorso luglio e l'interessamento dei tribunali americani, Ceglia ha prodotto alcune email quale prova delle proprie affermazioni.

I messaggi si riferiscono a scambi successivi avvenuti tra il 2003 e il 2004, quando Facebook era soltanto un'idea nella mente di Zuckerberg.

Stando a quanto si può ricostruire, Ceglia all'epoca aveva bisogno di un programmatore per un proprio progetto, chiamato StreetFax; con un annuncio su Craigslist aveva trovato Mark Zuckerberg, il quale si era offerto non solo di svolgere il lavoro, ma anche di coinvolgere Ceglia nella creazione di un sito cui stava pensando.

Questo sito, ovviamente, era l'annuario di Harvard precursore di Facebook, per lo sviluppo del quale il web designer investì 1.000 dollari dietro l'ormai famosa promessa del 50% del prodotto finito più l'1% per ogni giorno di ritardo dopo il 1 gennaio 2004.

È in questo scenario che si inseriscono i messaggi. Il primo, datato 30 luglio 2003, viene inviato da Zuckerberg a Ceglia per chiedere il permesso di utilizzare parte del codice di StreetFax in The Face Book.

Più avanti, il 2 settembre dello stesso anno, Zuckerberg scrive di nuovo spiegando che immagina di creare un annuario a pagamento, per accedere al quale ogni studente dovrebbe versare una quota mensile di 29,95 dollari: moltiplicando il tutto per una stima minima di 300 studenti, si arriverebbe a 9.000 dollari al mese, cifra che consentirebbe, "come hai suggerito, di espanderci rapidamente alle altre università".

Mentre lo sviluppo di The Face Book apparentemente procede, Zuckerberg chiede a Ceglia di inviargli altri 1.000 dollari: serviranno a pagare alcuni compagni di università affinché lavorino sul progetto per battere sul tempo un sito analogo che starebbe nascendo (questo avvenimento è peraltro parte della trama del film The Social Network) a opera di altri studenti di Harvard.

A questo punto il tono dei messaggi diventa meno cordiale. Il 5 gennaio 2004, non vedendo concretizzarsi il prodotto in cui ha ormai investito 2.000 dollari, Ceglia invia un'email in cui accusa il "socio" di aver sperperato il denaro "in donne, birra o qualunque altra cosa facciate lì ad Harvard".

Non potendo più aspettare, il designer minaccia di contattare la scuola e i genitori di Zuckerberg, a meno che non si compia qualche passo in avanti in tempi molto brevi.

Il giorno dopo, Zuckerberg risponde di aver fatto quello che ha potuto con i pochi soldi ricevuti e che presto avrà qualcosa da mostrare, ma rimarca anche il fatto che "per nessun motivo hai il permesso di contattare i miei genitori, dato che non hanno nulla a che vedere con i miei affari e solo perché sono giovane non significa che abbia paura della loro reazione. Per favore non contattarli, tanto probabilmente ti riderebbero in faccia in ogni caso".

Si arriva così al 22 luglio 2004 senza che di The Face Book Ceglia abbia ancora visto una traccia; in quel giorno Zuckerberg scrive all'investitore augurandogli buon compleanno e, in buona sostanza, scaricandolo. Spiega infatti di non aver avuto tempo di lavorare sul sito, si offre di restituire il denaro e aggiunge che non potrà sviluppare ulteriormente il progetto poiché dovrà passare il resto dell'estate a lavorare.

Eppure - come peraltro l'esistenza stessa di Facebook, lanciato già il 4 febbraio dello stesso anno, pare proprio testimoniare - Ceglia sostiene che in quello stesso periodo Zuckerberg avesse già contattato altri investitori disposti a fornirgli molto più denaro.

In ogni caso, Zuckerberg non avrebbe mai restituito i 2.000 dollari e soprattutto non si sarebbe mai rimangiato il contratto con cui gli assegnava la proprietà della metà di Facebook.

Quanto a StreetFax, infine, sarebbe caduto a causa del sabotaggio eseguito sempre da Mark Zuckerbger.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3660 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics