Facebook brevetta il tagging

Mark Zuckerberg si assicura la proprietà di una delle funzioni più popolari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-05-2011]

Facebook brevetta tagging foto video

Il tagging, ossia la possibilità di associare la foto di una persona all'utente che corrisponde, è una delle funzioni più utilizzate di Facebook.

Ora è anche protetta da brevetto: il social network di Mark Zuckerberg si è assicurato la proprietà intellettuale sul metodo per identificare gli utenti «in una selezione all'interno di media digitali».

Il metodo brevettato copre video, immagini, e anche testo in formato digitale e può essere esteso con una funzionalità che permetta di inviare pubblicità insieme alla notifica dell'avvenuto tagging.

Il brevetto è peraltro molto specifico: per esempio la tecnica descritta include la possibilità di rifiutare il tag da parte della persona identificata.

Tanta precisione è insolita: diverse aziende tendono a brevettare metodi estremamente generici per proteggersi da qualunque variante dello stesso sistema possa un giorno apparire.

In questo caso, invece, in teoria altri siti potrebbero implementare - o continuare a utilizzare - funzionalità analoghe che differiscono solo per un aspetto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Ma di che tipo di brevetto si tratta? brevetto d'idea o brevetto d'invenzione? Se è un brevetto d'invenzione allora si applica soltanto al metodo specificato nel brevetto (e quindi tutti possono creare un altro procedimento che ottenga lo stesso risultato).
21-5-2011 18:22

Mi associo al tuo senso di schifo e sbigottimento, la trovo una cosa totalmente assurda anch'io. Però devo anche aggiungere che secondo me questa cosa è stata pensata non tanto per farsi dispetti tra colossi (perché in fondo, a parte un po' di manfrine di facciata, "tra cani non si mordono") quanto piuttosto per proteggere i... Leggi tutto
20-5-2011 20:13

Posso racchiudere tutto il mio stupore per questa tipologia di registrazione di brevetto con una frase simbolica: MA NESSUNO SI RENDE CONTO DELLE MINC**ATE CHE TIRANO FUORI??? NESSUNO VIGILA SULLE STR***ATE CHE VENGONO BREVETTATE??? Si pensa solo ai soldi, è proprio vero... Quasi quasi da domani brevetto il FUCK YOU e il FUCK OFF così... Leggi tutto
20-5-2011 18:22

{Osvaldo}
Come scritto nell'articolo, Mark ha brevettato una modalità "molto specifica" di tagging. Premesso che 'sta cosa dei brevetti andrebbe tutta rivista (ma con tutti i soldi che girano la vedo dura), quello che mi suggerisce la cosa è la seguente: la brevetto io prima che altri me la brevettino impedendomene... Leggi tutto
20-5-2011 07:40

Fatemi capire, perchè il tagging non è una novità facebook ma è usatissimo in informatica da anni, anzi decenni e persino da NT-FAT!!! Avrà brevettato un particolarissimo uso... Spero! :? Ciao
20-5-2011 02:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2023 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics