Una lettura politica del software libero

Richard Stallman tenta una lettura sociale e politica del fenomeno del software libero. La differenza tra "convenienza" e "libertà".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2002]

"L'età del capitalismo cognitivo" è una raccolta di saggi appena tradotta in italiano. Dietro a un titolo un po' difficile e criptico c'è il tentativo serio di dare un'interpretazione politica e sociale del fenomeno del free software. Vale la pena certamente di leggere la bella e inedita intervista al padre del software libero Richard Stallman.

In modo molto semplice egli rivendica la superiorità etica del free software (persino a prescindere dalla sua qualità tecnica) in nome della libertà, quella che lui definisce "la libertà di aiutare un amico".

Stallman inoltre esamina quelle che sono le nuove sfide che il free software oggi deve affrontare: "La sfida più grande per il futuro del software libero viene dalla tendenza da parte dei distributori di Linux ad aggiungere un software non libero al sistema GNU/Linux, in nome della convenienza e della potenza".

"Oggi quasi tutte le società che distribuiscono versioni del sistema GNU/Linux, tra cui Red Hat, Corel e SuSe, aggiungono un software non libero al sistema. Solo Red Hat propone un prodotto che è in sé interamente un software libero: Redhat Means Source Linux. Le altre società non hanno nessun prodotto di questo tipo".

"Esse presentano queste soluzioni come un vantaggio per l'utilizzatore incoraggiando di fatto il pubblico a utilizzare un software non libero e preferire così la convenienza alla libertà. Il pericolo consiste nel fatto che gli utilizzatori accettino generalmente questo modo di vedere e che la comunità rischi di dimenticare che la libertà è un motivo serio".

"Se questo dovesse accadere, da qui a cinque anni avremmo un sistema di gestione molto popolare, composto da un mosaico di componenti liberi e non liberi. Ma sarà assolutamente impossibile fare qualsiasi cosa con un sistema di gestione completamente libero, poiché niente potrà funzionare senza ricorrere al software non libero che lo accompagna abitualmente."

Oltre alla lettura di Stallman dei rischi che può correre il free software, il libro nei suoi vari contributi aiuta a comprendere come con il sistema GNU/Linux si esce da un modello esclusivamente economicistico del capitalismo per affermare un'etica della condivisione che potrebbe estendersi all'intera struttura sociale.

Scheda
Titolo: L'età del capitalismo cognitivo
Sottotitolo: Innovazione, proprietà e cooperazione delle moltitudini
Autore: a cura di Yann Moulier Boutang
Editore: Ombre Corte
Prezzo: Euro 12,50

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone pi¨ remote.
Il Governo riuscirÓ a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di pi¨ per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverÓ il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3412 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 ottobre


web metrics