Il trojan che denuncia i Windows senza licenza

Minaccia di distruggere i dati se non si acquista una licenza valida. Così si fa consegnare il numero della carta di credito.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2011]

Trojan Ransom-AN Windows Pirata ricatto

Con l'elevato numero di copie pirata di Windows in circolazione, sparare nel mucchio e colpire qualcuno che non possiede software originale Microsoft non dev'essere troppo difficile.

Il trojan Ranson-AN fa proprio questo: dopo aver infettato un computer (su cui è arrivato da un canale peer to peer o accompagnando un'email di spam) fa apparire un messaggio minaccioso che in apparenza proviene direttamente da Redmond.

Detto messaggio avvisa l'utente del fatto che i suoi tentativi di imbrogliare Microsoft installando una copia pirata di Windows sono stati scoperti e che pertanto, a meno che non provveda entro 48 ore ad acquistare un codice valido online spendendo 100 euro con la propria carta di credito, verrà denunciato alla polizia e vedrà sparire per sempre dati e applicazioni.

A quel punto l'utente sarà ormai nel panico e, in tale condizione, pronto a cliccare sul link gentilmente fornito dal trojan: si troverà così su un sito fasullo ma in apparenza collegato a Microsoft; lì inserirà i dati della propria carta di credito, che i creatori del malware useranno per sottrarre una cifra ben più sostanziosa rispetto a 100 miseri euro.

Chi abbocca e porta a termine le operazioni riceve come congedo un saluto rassicurante: entro le 24 ore successive un codice di sblocco da inserire nella schermata del trojan arriverà nella sua casella email.

Panda Security, che per prima ha diffuso l'allarme, ha spiegato che i bersagli principali del trojan sono gli utenti tedeschi (il malware presenta le proprie richieste nella loro lingua) e che Ransom-AN è particolarmente difficile da estirpare, una volta che si è installato sul PC.

Il lato positivo della vicenda è che il codice di sblocco esiste davvero e fa quello che dice, cancellando il trojan; Panda l'ha reso noto - è QRT5T5FJQE53BGXT9HHJW53YT - e l'ha pubblicato insieme a tutte le spiegazioni del caso sul proprio sito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

da buttarsi dal ridere....
10-9-2011 13:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Durante un lungo viaggio in treno o in aereo, che cosa preferisci fare?
Ascoltare la musica
Chiacchierare coi vicini
Dormire
Giocare (con il notebook, il tablet, lo smartphone ecc.)
Guardare un film o una serie Tv
Guardare il panorama... o le hostess
Lavorare al computer
Leggere un libro, o un ebook
Navigare su Internet (vale solo in treno)
Telefonare (vale solo in treno)

Mostra i risultati (2527 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics