La depressione del pirata

Secondo uno studio, le persone depresse sono i maggiori utenti dei sistemi di file sharing.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2012]

pirata depressione

Secondo uno studio realizzato da ricercatori della Missouri University of Science and Technology, le persone che soffrono di depressione sono tra gli utenti più attivi dei sistemi di file sharing.

La ricerca è stata condotta monitorando l'utilizzo della rete del campus universitario da parte di 216 studenti; i risultati così ottenuti sono stati messi in relazione con quelli emersi dal questionario CES-D (che si utilizza per individuare la depressione).

Il dottor Sriram Chellappan, che ha guidato l'indagine, spiega: «Crediamo che lo studia sia il primo che utilizza dati reali per associare l'utilizzo di Internet con i sintomi della depressione. Le ricerche precedenti si affidavano a dei sondaggi, che sono un sistema molto meno preciso di stimare come la gente usa Internet».

Stando ai risultati, chi accusa sintomi di depressione utilizza il file sharing molto più di quanti invece non ne mostrano; d'altra parte, i "depressi" sono anche utenti più attivi di chat e e-mail.

Secondo studi precedenti, inoltre, chi è depresso è anche più portato a fare shopping online, a esagerare nel trascorrere il tempo al computer guardando video, all'utilizzo dei social network, alle scommesse online e a tirar tardi la notte davanti allo schermo.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Non si tratta, insomma, di affermare che il file sharing causa la depressione: semmai, è un modo utilizzato per trovare un sollievo ai propri problemi.

Il dottor Chellappan conclude formulando una proposta: ritiene che possa essere una buona idea la creazione di un software che tenga sotto controllo l'utilizzo di Internet per individuare schemi in base ai quali si possa pensare che un dato utente soffra di depressione.

«Il software sarebbe un sistema economico per invitare gli utenti a cercare l'aiuto di un medico se lo schema del loro utilizzo di Internet indica una possibile depressione» sostiene Chellappan, il quale ne auspica anche l'installazione nelle reti dei campus universitari, così da poter avvisare chi di dovere qualora alcuni studenti mostrino un comportamento sospetto in rete.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app che ti dice se sei depresso
Funghetti magici contro la depressione

Commenti all'articolo (3)

Depressione ed affini e connessi sono una cosa seria. L'idea di "trattrli" a psicofarmaci è stupidissima. Questo perchè i problemi sono relazionali e non chimici. Comunque, l'articolo non parla di trattare a psicofarmaci nessuno. Parla, semmai, di una mania della sorveglianza per segnalare i problemi a valle. Il principio non... Leggi tutto
22-6-2012 15:12

{utente anonimo}
c'è molta nostalgia del medioevo nell'aria. Ma chi ha dato tale a tutti questi dottoroni. vuoi vedere che poco poco sono posseduto anche io. adesso vado da uno di questi stregoni a farmi controllare
28-5-2012 12:06

{utente anonimo}
Ma ceeeeeeeeeeeerto! Adesso uno non può più neanche guardarsi qualche video di più su internet che viene trattato come malato da curare a psicofarmaci! Bah! Leggi tutto
28-5-2012 10:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2741 voti)
Agosto 2020
Windows 10, bloccare la telemetria è una minaccia
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics