Facebook spegne il riconoscimento facciale

L'ordine arriva dal Garante irlandese della Privacy e ha effetto in tutta Europa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-09-2012]

facebook spegne riconoscimento facciale

A metà dell'anno scorso, Facebook attivò il riconoscimento facciale automatico delle fotografie: in pratica, iniziò ad aggiungere i tag con il nome dei soggetti riconosciuti a tutte le foto inserite.

La mossa suscitò diverse proteste, dettate più che altro dalla mancanza di informazioni circa l'attivazione della funzione, ma poi gli utenti sembrarono abituarsi.

Ora, in seguito a una decisione presa dal Data Protection Commissioner irlandese (l'equivalente del nostro Garante per la Protezione dei Dati Personali), il social network è tornato sui propri passi, per lo meno in Europa.

Il Garante irlandese ha infatti stabilito che, per conformarsi alle direttive europee in materia di privacy, tra le altre cose Facebook deve disattivare il riconoscimento facciale automatico.

La disposizione è già effettiva per i nuovi utenti, mentre la disattivazione generale della funzione avverrà entro il prossimo 15 ottobre.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4325 voti)
Leggi i commenti (46)

«Siamo lieti di annunciare che, come il Data Protection Commissioner ha dichiarato, non solo siamo in regola con le leggi europee sulla protezione dei dati, ma siamo anche andati oltre le raccomandazioni iniziali» ha fatto ufficialmente sapere il social network.

È facile prevedere che tutto ciò non comporta la sparizione definitiva del riconoscimento facciale da Facebook, che oltretutto è ormai proprietaria delle tecnologie di Face.com: con ogni probabilità a Menlo Park stanno già lavorando a una futura reintroduzione che tenga conto delle direttive europee sulla privacy.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

In effetti l'articolo avrebbe tranquillamente potuto intitolarsi "Facebook occulta il riconoscimento facciale" :?
28-9-2012 01:54

Non credo che basti a salvaguardare la privacy degli utenti al 100% cmq non credo che molti ne sentiranno la mancanza, penso che sia una buona cosa che lo abbiano eliminato (anche se bisogna vedere se lo hanno eliminato effettivamente o solo nascosto.. chissà cosa fatto sotto i loro server :D l'fbi pare abbia già un nutrito archivio... Leggi tutto
26-9-2012 20:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5249 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics