Telecom Italia, a rischio distribuzione azioni ai manager

Il vertice di Telecom Italia sembra orientato a trasformare l'azienda in una holding; ma a questo punto potrebbe essere bloccata la distribuzione di azioni ai manager.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-10-2012]

In questi giorni si moltiplicano i rumor per cui il consiglio di amministrazione di Telecom Italia avrebbe iniziato a valutare il piano di trasformazione da azienda unitaria a una holding finanziaria.

La holding controllerebbe diverse società operative: una società per la Rete, una per l'ICT (che è già stata costituita con lo scorporo dell'informatica e il suo accorpamento con la software house SSC), e per il mobile si dovrà valutare se soltanto una oppure due società: una per i clienti business e una per la clientela residenziale.

Bernabè ha smentito ufficialmente queste indiscrezioni, anche se non si può dimenticare che fino a qualche mese fa smentiva decisamente ogni ipotesi di scorporo della Rete, mentre oggi ammette tranquillamente che lo scorporo potrebbe diventare realtà alla fine dell'anno.

La creazione di una holding alla fin fine vedrebbe la riduzione del numero complessivo di dipendenti e un aumento esponenziale del numero di posti nei vari consigli di amministrazione che si verrebbero a costituire.

Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone pi¨ remote.
Il Governo riuscirÓ a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di pi¨ per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverÓ il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3304 voti)
Leggi i commenti (9)

A questo punto però la Consob, su richiesta dei piccoli azionisti, potrebbe bloccare il piano di incentivazione del management approvato all'inizio dell'estate, che prevede la distribuzione di azioni Telecom Italia ai principali manager per evitare possibili conflitti di interesse. Questo potrebbe anche essere chiesto nell'assemblea del 18 ottobre dagli stessi piccoli azionisti.

Anche il confronto in atto fra sindacati delle telco e Asstel (sulla clausola sociale per garantire l'occupazione nelle aziende che cedono rami e si scorporano) potrebbe diventare ancora più incandescente e andare oltre la giornata di sciopero nazionale prevista il 19 ottobre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Passera e Bernabè, operazione Network pro-Intesa San Paolo

Commenti all'articolo (2)

@ fuocogreco E non solo, si creerebbero anche tanti bei posti dove chi rovina le aziende potrebbe sedere a fronte di pingui quanto immeritati compensi alla facciaccia di licenziati ed utenti, un successone! :twisted: :twisted: :twisted:
6-10-2012 11:31

Se ho ben capito dall' articolo la Telecom verrebbe scorporata in vari piccoli gruppi e tutto questo alla fine verrebbe a scapito dei soliti:I LAVORATORI CHE SI TROVERANNO UNA BELLA LETTERA DI LICENZIAMENTO DA FIRMARE :evil: :twisted:!!!!
2-10-2012 22:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi Ŕ il pi¨ grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. ╚ stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. ╚ diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (1895 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics