Di Corinto: diritto alla Rete per tutti

Riflessioni con Arturo Di Corinto su politica e libertà della Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2013]

arturo di corinto richard stallman

Arturo Di Corinto è uno dei maggiori esperti e divulgatori del software libero in Italia e, da sempre, è in prima fila nella difesa della libertà della Rete.

Di Corinto si è candidato per le prossime elezioni del 24 e 25 febbraio a consigliere della Regione Lazio, nelle liste di Sinistra e Libertà, a sostegno del candidato presidente Nicola Zingaretti.

Zeus News gli ha posto qualche dmanda sul rapporto tra politica e Rete.

Zeus News: Di Corinto, si è candidato per il Consiglio regionale del Lazio con la lista di Sel. Lei che è un esperto della Rete, dei suoi problemi e dei suoi diritti, che cosa pensa di fare una volta eletto?

Arturo Di Corinto: "Uno dei primi obiettivi sarà far inserire nello Statuto regionale il "diritto alla connettività". Poi, avviare un programma di alfabetizzazione di massa all'uso della rete e delle tecnologie informatiche, usando le scuole chiuse di pomeriggio. Offrire il Wi-Fi gratuitamente a tutti, in tutti i luoghi pubblici: bar, aeroporti, piazze attraverso accordi coi gestori e coi comuni. Regolare la complessa materia delle comunicazioni elettroniche di cui la regione è competente "in concorrenza" con lo Stato e intervenire su radiofrequenze, Roc e Corecom per rendere effettivo l'articolo 21 della Costituzione. Usare la leva della tecnologia per far ripartire lo sviluppo, riconvertire le aree manifatturiere in parchi mediali concentrati su open web e open innovation. Il mio programma, l'unico su un wiki aperto e modificabile dagli elettori è sul sito OpenLazio.

Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2091 voti)
Leggi i commenti (36)

ZN: La grande novità di queste elezioni è il Movimento 5 Stelle, nato e sviluppatosi grazie alla Rete. Secondo lei ci possono essere dei punti di contatto fra centrosinistra e 5 Stelle? Ritiene che il loro modello di democrazia on line sia valido?

Arturo Di Corinto: "Penso che sia un esperimento interessante che dovrebbe però aprirsi all'intero popolo della rete: una sorta di primarie online la cui partecipazione andrebbe vincolata alla sottoscrizione di una carta d'intenti e l'indicazione del premier, come nelle primarie real life del centrosinistra. Comunque, il progetto di Grillo non mi convince perché non punta a fare alleanze per governare. Nel migliore dei casi sarebbe un partito unico al 51%, roba da Romania di Ceausescu".

ZN: Queste elezioni sono ancora giocate molto in Tv. Perché In Italia il web non "sfonda" nella comunicazione politica?

Arturo Di Corinto: "Il motivo è semplice: si chiama digital divide. Poco più della metà delle famiglie italiane ha un Pc in casa e non tutti i componenti lo usano per informarsi di politica e per interagire nei canali sociali. Facebook, che ha 23 milioni di profili, offre informazione di seconda mano, ripresa il più delle volte dai media tradizionali. E' un'informazione mordi e fuggi che modifica opinioni e tendenze solo quando genera novità, stupore, polemica a cui tutti possono contribuire. Ha presente il caso di "Sucate" o di "Marxisti per Tabacci"? Insomma, non ci sono strategie politico-comunicative adeguate a creare l'evento mediale sull'esempio del confronto Tv di Sky durante le primarie del centrosinistra. In democrazia quello che conta sono i numeri e il solo TG1 raggiunge alla sera tra i 7 e i 10 milioni di persone. Però è vero che gli "influencer" stanno su Twitter, perciò un ruolo la Rete ce l'ha eccome!"

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Di Pietro nel suo linguaggio direbbe: ma che c' azzecca con l' articolo in questione :?: Leggi tutto
18-2-2013 01:30

Non olet diceva Vespasiano al figlio Tito, che si lamentava per la tassa sui cessi e la multa per chi non li usava; e intanto gli faceva annusare un sesterzio. Da allora, il danaro non puzza incassato in modo illecito o almeno poco chiaro. Puzza invece assai, com'è giusto, quello ottenuto gratuitamente. Anche perché nessuno o quasi sa... Leggi tutto
14-2-2013 19:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A partire da quale età i bambini dovrebbero avere uno smartphone personale?
Nessuna
3 anni o meno
4-5 anni
6-7 anni
8-9 anni
10-11 anni
12-14 anni
15-17 anni

Mostra i risultati (1902 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics