Garante privacy: via i dati sulla salute dai siti dei Comuni

I siti istituzionali non possono pubblicare dati personali sulla salute dei cittadini, nemmeno in nome della trasparenza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-03-2013]

antonello soro

La trasparenza, negli atti della pubblica amministrazione, è «sacrosanta», ma non può arrivare al punto di ledere la dignità dei cittadini.

È in base a questo principio che il Garante per la protezione dei dati personali ha fatto oscurare alcuni dati pubblicati sui siti web di dieci comuni italiani.

Tali dati sono quelli contenuti in alcune ordinanze riguardanti il trattamento sanitario obbligatorio per alcuni cittadini. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
I giornalisti italiani avevano in programma uno sciopero (poi rinviato) contro la proposta di legge che mantiene la pena del carcere per i giornalisti condannati per diffamazione. Secondo te...
Lo sciopero è giusto: i politici vogliono vendicarsi della stampa. - 27.3%
Lo sciopero è ingiusto: per la diffamazione, i giornalisti devono andare in carcere. - 37.2%
La protesta è giusta ma lo sciopero è inutile. - 17.2%
La colpa è dei politici: non ne azzeccano più una. - 18.3%
  Voti totali: 564
 
Leggi i commenti (5)
In esse, oltre ai dati anagrafici di ciascuno soggetto coinvolto e la residenza, era indicata anche la patologia sofferta (per esempio «infermo mentale») e dettagli definiti «eccessivi» dal Garante, come l'indicazione di «persona affetta da manifestazioni di ripetuti tentativi di suicidio».

Tutto ciò non avrebbe dovuto venire pubblicato in chiaro sul web; avendolo fatto, i dieci comuni sono stati riconosciuti colpevoli di un trattamento illecito dei dati personali.

C'è poi un altro problema: le ordinanze erano anche facilmente rintracciabili tramite i motori di ricerca, e ora le amministrazioni comunali coinvolte dovranno «attivarsi per fare in modo che vengano rimosse le copie web delle ordinanze e di tutti gli altri atti aventi ad oggetto il ricovero per trattamento sanitario obbligatorio dagli indici e dalla cache». Oltre, ovviamente, a fare in modo che ciò non si ripeta in futuro.

Ora il Garante avvierà le procedure per irrogare le sanzioni previste per il trattamento illecito di dati personali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il cimitero virtuale che ci marcia sui defunti
Il Garante Privacy indaga su WhatsApp
L'occhio del Garante Privacy su Skype
Privacy, i Garanti europei contro Google

Commenti all'articolo (5)

Ora che mi ci fai pensare, più che possibile, direi che è molto probabile. :shock: Ma occorre approfondire.
16-3-2013 00:02

Sarei anche interessato a capire in base a quale astrusa motivazione le amministrazioni comunali abbiano pubblicato queste ordinanze complete di tutti i dati personali, non è che poi verrà fuori che c'è una legge che le obbliga a farlo? Spero di no ma in questo paese di paradassi tutti è possibile...
15-3-2013 18:48

Quoto in pieno il tuo post. Invece di prendersela con i più deboli certe amministrazioni comunali e non dovrebbero diffondere chi per esempio è un' evasore totale! :x Leggi tutto
15-3-2013 00:51

Concordo. Se non altro, possiamo almeno osservare che non tutto e non sempre viene abbandonato alle ortiche. Almeno qualche volta le istituzioni fanno la loro giusta parte.
13-3-2013 17:25

{umby}
Come al solito il garante interviene dopo che i buoi sono scappati dalla stalla... Comunque ha fatto benissimo ad intervenire. Sputt***re pubblicamente persone che soffrono di patologie particolari, mi sembra il massimo della vigliaccheria.
12-3-2013 21:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics