I pericoli che viaggiano sui POS

Bancomat e carte di credito a rischio? E' compito degli esercenti aumentare le protezioni per superare le problematiche di sicurezza e privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2013]

carta di credito

McAfee ha rilasciato ieri il report Retail Reputations: A Risky Business, (Reputazioni dei commercianti: pericoli in agguato).

Il report affronta il tema dei rischi che il settore retail si trova ad affrontare sia con i sistemi POS (point of sale) tradizionali sia con quelli più innovativi che si stanno affacciando ora sul mercato.

L'analisi illustra quali possono essere le problematiche di sicurezza e privacy per gli esercenti ancora molto propensi ad affidarsi a terzi per la fornitura del servizio e il supporto.

Oggi ci troviamo di fronte a minacce avanzate per cui per un commerciante, per proteggere le informazioni dei clienti, oltre ai dati dei titolari di carta di credito, non è più sufficiente essere conforme agli standard PCI DSS.

"L'industria è molto frammentata, con un'ampia base di piccoli commercianti che utilizzano il mercato secondario o i sistemi POS", ha dichiarato a Zeus News Kim Singletary di McAfee. "I commercianti che non hanno un'attenzione lungimirante per la protezione della privacy e la sicurezza, stanno rendendo vulnerabili i propri sistemi e processi. Maggiore sicurezza, conformità e rispetto della privacy più trasparenti per i consumatori, possono connotarsi come elementi di differenziazione competitiva e non più come obblighi da adempiere".

I rivenditori devono essere a conoscenza di come si è evoluto il coinvolgimento dei clienti e accertarsi che la loro strategia di sicurezza sia in grado di affrontare il panorama delle minacce in evoluzione.

La protezione dei sistemi POS, dalle funzioni di base alle più recenti applicazioni che utilizzano le informazioni personali dei clienti, è essenziale per tutelare il marchio del rivenditore e la sua reputazione.

Dal report McAfee emerge che i sistemi POS vengono aggiornati troppo raramente, lasciando ampio spazio ai criminali per trovare e sfruttare le vulnerabilità.

Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1534 voti)
Leggi i commenti

Non appena viene scoperta una nuova vulnerabilità, le aziende che utilizzano gli stessi tipi di sistemi possono essere identificate e attaccate facilmente.

Le vulnerabilità dei sistemi POS non vengono aggiornate regolarmente e questo aumenta la probabilità di rischio per il titolare dei dati personali delle carte di credito dei consumatori.

"I rivenditori si sono impegnati a fondo per non memorizzare i dati dei titolari delle carte; tuttavia, mantengono ancora una grande quantità di dati specifici di proprietà dei clienti sulle loro reti che sono un tesoro potenziale per i criminali e ladri di identità", ha aggiunto Greg Buzek, fondatore e presidente di IHL Consulting Group. "Quando si verifica una violazione della sicurezza, i rivenditori rischiano di perdere la fiducia dei propri clienti e, di conseguenza, opportunità di business".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le più grandi truffe del Bancomat

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Non sono sufficientemente ferrato in materia per poter dare dei dati certi. Però faccio qualche riflessione. Il POS di per se non mi pare insicuro o a rischio...legge e trasmette dei dati alla banca per la transazione....non credo che al truffatore di turno riesca facilmente fare l'uomo nel mezzo (attacco di tipo 'man in the middle')... Leggi tutto
25-4-2013 13:57

Dal titolo dell'articolo sembra che ad interessarsi della sicurezza debba essere l'esercente. Non dovrebbe essere così. Mettete in preventivo che ogni esercente paga un canone ed una % anche salata, sulle vendite. A volte, su importi piccoli, l'operazione è anche negativa. Ammettendo che il POS è comunque importante,... Leggi tutto
15-4-2013 10:46

Però conto tascabile è un'altra cosa rispetto a POS e Bancomat. Questa è una vera e propria truffa da "carta di credito" tant'è che rientra nel giro del circuito VISA/MasterCard. Avresti potuto comunque ripudiare l'operazione e sarebbe stato onere dello iusser (secondo le ultime norme eMV) l'onere di saldare la transazione. ... Leggi tutto
15-4-2013 10:43

Digita " conto tascabile " e ti si apre la schermata di Che Banca con tutte le indicazioni :ciao:
15-4-2013 03:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1664 voti)
Dicembre 2020
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Tutti gli Arretrati


web metrics