Il DRM che cambia il testo degli e-book

Una nuova protezione altera la punteggiatura e sostituisce le parole con i sinonimi: così si individua subito che immette illegalmente in Rete le copie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2013]

ebook drm

Come la nascita e la diffusione degli MP3 hanno avuto come conseguenza il grido di dolore delle major per la facilità con cui è possibile copiare i brani musicali (e dunque favorire la pirateria), così ora sono le case editrici a preoccuparsi per la diffusione illegale degli e-book.

La protezione delle copie originali avviene tramite il cosiddetto DRM (Digital Rights Management, ossia Gestione dei Diritti Digitali), una pratica che consiste nell'inserire protezioni finalizzate a impedire la copia o la riproduzione di un'opera "non originale", e che spesso finiscono con il creare problemi unicamente a quanti hanno fatto un acquisto legale.

Un gruppo di ricercatori della tedesca Technische Universität Darmstadt, finanziato dal governo e dagli editori, sta lavorando a nuove forme di DRM per gli e-book: il progetto SiDiM.

Una delle idee prese in esame consiste nell'inserire nei libri delle «filigrane testuali»: i ricercatori hanno infatti sviluppato una tecnologia che apporta a ogni libro dei piccolissimi cambiamenti che rendono di fatto unica la copia acquistata.

In tal modo, se quella determinata copia viene poi condivisa via Internet, gli editori sono in grado di risalire rapidamente e con precisione all'autore del misfatto.

Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3442 voti)
Leggi i commenti (10)

«Una soluzione al problema» - spiega il dottor Martin Steinebach, del SiDiM - «è alterare i documenti con segni visibili e invisibili che rendano distinguibile una singola copia. Gli utenti sono incoraggiati ad assumersi la responsabilità della propria copia e ciò farà calare il file sharing illegale, dato che le copie possono essere rintracciate seguendo questi segni».

Per chi ama i testi così come sono stati concepiti e scritti dai loro autori, la mossa non è del tutto indolore: tra le alterazioni apportate dal sistema, infatti, ci può essere lo scambio di alcune parole, l'uso di sinonimi, il cambio del formato dei paragrafi o della punteggiatura.

Secondo i ricercatori il lato positivo di questo DRM sta nel fatto che le copie non vengono bloccate, e gli utenti di ciò dovrebbero essere contenti. Il fatto che il processo sia completamente automatico fa però sì che la possibilità di inserire degli errori, rovinando almeno in parte l'esperienza della lettura, non sia completamente remota.

Tutto ciò potrebbe poi dare vita a una classe di "pirati creativi", che inseriscano le proprie modifiche ai testi confondendo il sistema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il festival della musica senza DRM
Senza DRM i brani musicali venderebbero il 10% in più
JDownloader, megamulta per pirateria
ARM presenta il processore anti-pirateria
Quando i pirati si lamentano della pirateria
Amazon e il noleggio degli ebook
E-book in regalo col libro cartaceo? Vendite triplicate

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


Esatto ma la possono romperti le scatole! Comunque poi, se sei furbo, sarai limitato, oppure troveranno qualcosa cercando e cercando una volta individuato.. Ciao Leggi tutto
19-6-2013 19:47

:idea: Io comincerei dai ratti che, incaricati un tempo di portare la Grande Peste a Londra, furono poi addestrati all'ombra del Cupolone e dirottati quindi nei conventi del vecchio continente, per addentare gl'illici degli hakercopisti di giorno e rosicchiar vecchie pergamene di notte. :gack:
19-6-2013 18:53

@Roberto1960 Volentieri, ma il solo pensiero di competere con Leopardi mi fa vacillare. :shock: :lol: Ma cosa ci mettiamo? :-k Forse si potrebbe incominciare con i topi che viaggiavano nelle stive delle navi normanne! :idea: :D
19-6-2013 11:20

Zievatron, lo vogliamo scrivere un libello intitolato "Paralipomeni della majormachia"? (Certo mettersi a competere con Leopardi...!) Poi lo pubblichiamo... come e-book, naturalmente!!! :lol: :lol: :lol:
19-6-2013 10:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2834 voti)
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Tutti gli Arretrati


web metrics