La ragnatela orbitale per rimuovere i detriti spaziali

Sviluppata dal Giappone, andrà a pesca di rifiuti nello spazio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2014]

rifiuti spaziali

A mano a mano che il problema si aggrava, le soluzioni ideate per eliminare i troppi detriti spaziali che orbitano sulle nostre teste aumentano in numero e fantasia.

L'ultima proposta viene dall'Agenzia Giapponese di Esplorazione Aerospaziale (JAXA), che ha iniziato una collaborazione con un'azienda che produce attrezzature per la pesca al fine di creare una rete con cui raccogliere i rifiuti orbitali.

La partnership ha già permesso di sviluppare una rete magnetica, realizzata con una fibra metallica estremamente flessibili e lunga 300 metri, in grado - in teoria - di attirare e catturare i detriti più vicini.

Una volta intrappolati tutti i rifiuti - parti di satellite, vecchi razzi e via di seguito - che riesce a contenere, la rete vedrà decadere gradualmente la propria orbita finché non sarà incenerita insieme al proprio carico dall'atmosfera terrestre.

Se tutto andrà bene, alla fine di febbraio sarà lanciato un satellite che avrà due scopi: «Il primo» - come spiega Masahiro Nohmi, professore universitario che sta lavorando al progetto - «sarà dispiegare la rete da 300 metri in orbita, e il secondo sarà osservare il trasferimento di elettricità».

Sondaggio
Quando guidi in cittÓ, chi non vorresti incontrare nel traffico?
La Scuola Guida
Il neopatentato
La donna che si trucca in coda
Il manager che legge un quotidiano in coda
L'imbranata: parte in terza e si spegne il motore
L'avvoltoio dei parcheggi: continua a girare fino trovarne uno
La mamma con il SUV davanti alla scuola
L'indeciso sulla strada da prendere
Il vecchio col cappello
Il camion della nettezza urbana

Mostra i risultati (2176 voti)
Leggi i commenti (34)

La raccolta vera e propria sarà oggetti di esperimenti successivi, con l'obiettivo di raggiungere la piena operatività entro il 2019.

Al momento si calcola che tra gli 800 e i 1.400 km al di sopra della superficie terrestre orbitino oltre 20.000 frammenti di dimensioni superiori ai 10 centimetri, che potenzialmente rappresentano un pericolo per i satelliti e la Stazione Spaziale Internazionale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I detriti spaziali dal 1957 a oggi [VIDEO]
Una rete di satelliti per eliminare i rifiuti spaziali
Le tempeste solari ripuliscono il cielo
Quei rottami spaziali che minacciano la ISS
Il telescopio per scrutare i rottami in atmosfera

Commenti all'articolo (1)


Buona raccolta! :D Sperando che dopo il 2020 serva ancora uno spazio orbitale pulito per future missioni spaziali.
1-2-2014 21:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Scegli una risposta e poi leggi questa pagina.
E' nato prima il telefono
E' nato prima il fax

Mostra i risultati (1874 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics