I dispositivi Android azzerati non sono davvero azzerati

Ma niente panico, c'è un rimedio semplice.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-07-2014]

crittografia

S'è diffuso un certo panico in Rete per la notizia che i dispositivi Android cancellati con la funzione di ripristino (Impostazioni - Account - Backup e ripristino - Ripristina dati di fabbrica), come avviene quando si rivende o regala un tablet o un cellulare, in realtà contengono ancora i dati dell'utente.

La società di sicurezza Avast che ha lanciato l'allarme ha acquistato su eBay dei telefonini Android usati i cui proprietari erano convinti di aver cancellato tutti i dati. Avast ha invece recuperato fotografie anche intime, mail e messaggi, adoperando tecniche di recupero dati tipiche dell'informatica forense.

La normale cancellazione di un file, infatti, in realtà non cancella nel senso tradizionale del termine, ma si limita a dire "questo spazio è riscrivibile". Finché non viene riscritto, lo spazio di memoria contiene ancora i dati.

Non è certo una sorpresa che Avast consigli di risolvere il problema usando il proprio prodotto apposito, ma c'è un trucco che permette di fare a meno di qualunque prodotto aggiuntivo: basta infatti attivare la cifratura del dispositivo, incorporata di serie in Android, prima di azzerare.

Si procede così: si toglie l'eventuale scheda di memoria aggiuntiva (che può essere riutilizzata su un nuovo dispositivo) e poi si va in Impostazioni - Altro - Sicurezza e si sceglie Crittografia dispositivo.

Bisogna dare una password (almeno sei caratteri e una cifra, che verrà chiesta a ogni accensione) e poi attendere che il dispositivo effettui la crittografia dell'intera memoria.

Questo può richiedere alcune decine di minuti e può inoltre causare lievi rallentamenti, ma se state comunque per cedere il dispositivo, questo non è un problema: quando il dispositivo verrà azzerato dal nuovo proprietario il rallentamento sparirà.

Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3374 voti)
Leggi i commenti (21)

Fatto questo, il normale azzeramento (ripristino) del dispositivo renderà davvero irrecuperabili i dati, perché saranno ancora presenti ma scritti in forma cifrata con una password che il dispositivo non contiene più.

Consiglio pratico: non attivate la crittografia su un dispositivo che non intendete cedere. La crittografia obbliga infatti a usare una password di sblocco complessa, che è scomodissima da dover digitare ogni volta che si vuole usare il dispositivo.

Per i dispositivi recenti che usano iOS, invece, non occorre questa procedura, perché dall'iPhone 3GS in poi i dati sono già crittografati automaticamente; lo stesso vale per tutti gli iPad e qualunque iPod touch dalla terza generazione in poi.

Fonti: Ars Technica, Lifehacker.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

@ioSOLOio Per ciò che concerne le personalizzazioni mi riferisco a quelle inutili app (comunicazione, infromazione, ecc. spesso non utilizzabili o scarsamente utili in Italia) che, occupando memoria, vengono installate dai produttori come app di sistema e quindi non disinstallabili. Gli esempi a cui mi riferisco li ho riscontrati nel... Leggi tutto
20-8-2014 09:33

Ma è allo stato attuale vero che quelle personalizzazioni sono anche ciò che fa vendere....sempre più inutili orpelli, programmi, sensori che naturalmente mangiano batteria...ma il mercato corre dietro a quello Poi ci sono anche quelli più interessati a un prodotto che funzioni bene svolgendo il proprio 'lavoro' in maniera... Leggi tutto
19-8-2014 20:29

@Cesco67 Ah, ok, adesso ho capito meglio il tuo punto, concordo con la tua considerazione.
17-7-2014 18:54

@ Gladiator Quello che volevo evidenziare (anche ad Attivissimo che ha scritto.l'articolo) e' che nel "mondo" android non sempre tutte le opzioni combaciano, e se qualcosa si trova in un certo menu/sottomenu su samsung (il maggiore produttore di terminali android) non e' detto che sui device di altri produttori tale opzione... Leggi tutto
16-7-2014 21:57

@Cesco67 Non mi sembra che nelle risposte/considerazioni si potesse leggere un'equivalenza Android=Samsung, sia io che Paro abbiamo precisato che le versioni di Android personalizzate da Samsung mantengono questa opzione. In precedenza avevo un Motorola con un Android con personalizzazioni minime ma, essendo la versione 2 non aveva... Leggi tutto
16-7-2014 19:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2232 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics