Il Bio-Bus alimentato a feci umane

L'autobus si muove grazie al gas prodotto dagli escrementi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-11-2014]

biobus01

Si chiama ufficialmente Bio-Bus ma i britannici l'hanno già ribattezzato Poo bus, ovvero Cacca bus.

Non si tratta di un soprannome dispregiativo: il fatto è che il Bio-Bus, che ha iniziato a trasportare passeggeri tra Bristol e Bath, funziona a gas prodotto da feci umane.

Per riempire il serbatoio - e avere così un'autonomia di 300 km - è necessaria la "produzione" annuale di cinque persone, trattata dall'impianto gestito ad Avonmouth da GENeco. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di pi¨?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (3912 voti)
Leggi i commenti (22)
L'impianto è in grado di trattare ogni anno 75 milioni di metri cubi di liquami fognari e 35.000 tonnellate di scarti di cibo. Il gas - 17 milioni di tonnellate all'anno - viene prodotto tramite un procedimento chiamato digestione anaerobica; prima dell'impiego viene eliminato il biossido di carbonio, e viene aggiunto invece il propano.

Mohammed Saddiq, dirigente di GENeco, spiega: «I veicoli a gas hanno un ruolo importante nel migliorare la qualità dell'aria nelle città del Regno Unito, ma il Bio-Bus va ancora oltre ed è davvero mosso dalle persone che vivono nella zona, tra cui probabilmente anche quelle che vi sono sedute dentro».

Il serbatoio del gas è posto sul tetto del Bio-Bus, che adopera un motore simile a un normale motore a gasolio ma, rispetto a quest'ultimo, emette il 30% in meno di biossido di carbonio.

biobus02
biobus03
biobus04
biobus05

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Biocarburanti dai liquami fognari
Il caccabus raggiunge i 120 Km/h

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{rinaldo}
si ma quanto propano aggiungono? e perchè? mangiassero meglio gli inglesi probabilmente non averebbero bisogno di aggiungere propano. oppure visto che mangiano cosa mangiano il propano da aggiungere è poco? c'è già la puntata su kazzenger?
24-11-2014 14:53

{Ka Gone}
Il conto da fare è un altro. 300 kilometri diviso 5 persone diviso 365 giorni (assumendo una cagata giornaliera) fanno 164 metri e rotti. Quindi riuscire a spostare un autobus di 164 metri con una singola cagata non è affatto male!
23-11-2014 11:04

Ma certo! Sostituiranno i sedili con dei WC! :lol:
23-11-2014 01:11

Si potrÓ pagare il biglietto in natura? :roll: Mauro Leggi tutto
22-11-2014 22:44

Idea interessante, Ŕ sempre utile riciclare il riciclabile, ma la convenienza economica c'e'? Cinque persone in un anno producono materia per fare un pieno dell'autobus e fargli fare 300km. La mia famiglia composta da quattro persone consente quindi di far percorrere circa 250km, con la produzione di un anno! Certo, va anche considerato... Leggi tutto
22-11-2014 19:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1235 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics