Il browser per navigare su piattaforma distribuita

BitTorrent salta il fosso e propone Maelstrom, per accedere a contenuti residenti sulle macchine degli utenti tramite peer to peer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-04-2015]

Project Maelstrom 620x353

Lanciato quasi di nascosto nel dicembre scorso, il progetto Maelstrom è disponibile in beta a tutti gli utenti Windows.

Fatto a immagine e somiglianza di Chrome, è sufficiente scaricare l'eseguibile di circa 36 Mbyte per essere subito connessi.

La home page si apre evidenziando il numero degli utenti connessi, dopo di che è possibile navigare subito sul web in modo tradizionale; ma è anche possibile consultare pagine accessibili tra la ristretta cerchia degli utenti e non attraverso un qualsiasi server disperso nella galassia Internet.

Il "trucco" consiste nel lanciare un collegamento Magnet: immediatamente Maelstrom tenterà la connessione al torrent che contiene la pagina web.

Ovviamente i tempi di risposta saranno un poco più lunghi di quelli cui siamo ormai abituati, di solito un paio di secondi e non di più; ma una volta raggiunto il torrent, l'apertura della pagine è istantanea.

Sondaggio
Qual Ŕ il client torrent che utilizzi di pi¨?
ÁTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2753 voti)
Leggi i commenti (10)

Il lato negativo, speriamo per poco, è la ridotta scelta dei contenuti: per ora il browser di BitTorrent offre un po' troppo poco e occorrerà tempo prima che gli sviluppatori siano invogliati a concorrere alla crescita del modello proposto, anche se viene proposta una utility per facilitare la messa in rete dei siti.

D'altra parte è anche vero che un browser del genere consente di risparmiare le spese e il fastidio di mantenere un sito in hosting; comunque BitTorrent annuncia forse un po' troppo trionfalisticamente di aver già l'adesione di oltre 10 mila sviluppatori e 3500 produttori di contenuti.

maelstrom

Occorre altresì chiedersi se proprio occorresse mettere in campo una soluzione che di fatto contraddice l'essenza del web e le ragioni della sua affermazione negli anni quale oggi lo conosciamo, e che nel bene e nel male sfruttiamo e ci lasciamo sfruttare.

La risposta potrebba anche essere nei recentissimi avvenimenti che hanno visto reiterati attacchi a testate giornalistiche in rete. Dopo TV5 Monde, è stato appena diffusa la notizia di un attacco similare a Le soir che è il più importante giornale dei belgi francofoni; qualcuno ipotizza un pirataggio ai danni del governo regionale Vallone.

Come che sia, in luogo di esprimere civilmente le proprie convinzioni, ormai sembra aver preso piede la cattiva abitudine di zittire l'avversario con la forza o con l'intimidazione: sul web come in TV, a qualsiasi livello e a qualsiasi ora del giorno o della notte.

In questo caso il browser di BitTorrent potrebbe essere anche, e putroppo, lungimirante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La chat sicura di BitTorrent

Commenti all'articolo (2)

Da vedere come si sviluppa.
17-4-2015 00:39

{Franz}
Ogni cosa che si fa strada e sopravvive, per non dire prolifera, è per definizione adeguata ai suoi tempi, nel bene o nel male, e quindi "giusta". Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei...
15-4-2015 17:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerÓ sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Pu˛ certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben pi¨ seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3897 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics