Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''

Decine di migliaia di utenti sarebbero stati iscritti a PayPal Credit senza saperlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2015]

paypal credit multa 25 milioni

Non sono in molti nel nostro Paese a saperlo ma PayPal, il popolare sistema di pagamento online, dispone anche di un servizio per pagare a credito gli acquisti, chiamato PayPal Credit.

Inizialmente noto come Bill Me Later (Addebitamelo Dopo), PayPal Credit è stato acquisito da PayPal nel 2008 e funziona come una carta di credito revolving, che all'apertura offre un credito di almeno 250 dollari.

Facendo compere con PayPal Credit, per transazioni del valore di 99 dollari o più ci sono sei mesi di tempo per completare il pagamento, trascorsi i quali viene applicata una sanzione più un tasso annuo del 19,99%.

PayPal Credit è attivo soltanto negli USA, ma non ha mai raggiunto una popolarità paragonabile a quella del servizio principale.

Ora il Consumer Finance Protection Bureau ha inflitto a PayPal una multa di 25 milioni di dollari: il motivo è che l'azienda avrebbe iscritto decine di migliaia utenti a PayPal Credit senza che questi lo sapessero.

Sondaggio
Quali sono i prodotti che acquisti di pi online?
Abbigliamento
Idee regalo
Libri/riviste
Hardware/software
Biglietti/eventi
Elettronica
Viaggi/turismo
Musica/video
Elettrodomestici
Telefonia/accessori

Mostra i risultati (2070 voti)
Leggi i commenti (7)

Del totale, 15 milioni servono a rimborsare gli utenti erroneamente iscritti, e 10 milioni costituiscono invece la multa vera e propria.

«Il Cfpb ritiene che molti clienti che stavano cercando di attivare un normale conto PayPal o effettuare un acquisto online siano stati iscritti a un prodotto di credito senza saperlo» ha fatto sapere l'agenzia.

Molti avrebbero realizzato di aver sottoscritto PayPal Credit soltanto dopo aver essere stati chiamati per saldare il debito contratto; le email con i solleciti di pagamento sarebbero stato ignorate in quanto sarebbero incappate nei filtri antispam.

PayPal ha risposto per bocca di uno dei propri dirigenti, Amanda Miller, la quale ha affermato che l'azienda «prende molto sul serio la protezione dei consumatori» e che tutte le operazioni sono condotte nel pieno rispetto della legge.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Paypal e i pagamenti con l'impronta digitale
Amazon Payments lancia la sfida a PayPal
PayPal Access, il login unico per gli acquisti online
PayPal apre i pagamenti anche agli utenti senza account
Il conto PayPal diventa ricaricabile

Commenti all'articolo (4)


L'occasione fa spesso l'uomo ladro e pochi sono immuni... nemmeno PayPal :roll:
24-5-2015 18:49

{utente anonimo}
Che peccato PayPal sia scivolata così in basso ! Sono stato un profondo sostenitore di quel modello di pagamento...ma per il futuro ?????
23-5-2015 07:20

{Acumari}
Certo: se chiediamo a un sospettato di furto se ha rubato qualcosa, cosa risponderà? "...l'azienda «prende molto sul serio la protezione dei consumatori» e tutte le operazioni sono condotte nel pieno rispetto della legge." Ovvio, cos'altro?
22-5-2015 13:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dicono che il software la parte del computer contro la quale possibile solo imprecare, l'hardware quella che si pu anche prendere a calci. Quale hai preso a calci pi frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1460 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics