Advanced Persistent Threat nei curricula inviati per email

Come riconoscere e prevenire l'attacco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-02-2017]

hacker

Lo scenario delle minacce informatiche è più mirato, sofisticato e mutevole che mai. Ogni giorno si verificano attacchi alle aziende e tutti sono potenziali obiettivi. I giornali sono pieni di notizie sugli ultimi attacchi, falle delle sicurezza, furti di identità che costano alle imprese miliardi di euro. Gli attacchi hanno raggiunto oggi un volume impressionante, rendendo difficile anche solo capire quali siano le minacce più pericolose.

Gli esperti di Barracuda hanno preso in esame le minacce Advanced Persistent Threat (APT) concentrandosi sugli attacchi nei quali i CV sono stati usati come esca.

A fine 2016, nell'arco di tempo di due settimane, un'azienda cliente di Barracuda ha ricevuto cinque CV contenenti una APT. Cinque possono sembrare pochi, ma solo fino a quando non ci si rende conto che ne basta uno per compromettere la credibilità, bloccare la rete o perdere grosse somme di denaro.

I CV erano tutti file .doc contenenti una macro malevola. All'apertura del file la macro faceva un'operazione molto pericolosa: scaricava ed eseguiva uno script visual basic, importava e lanciava funzioni esterne dal web, creava una shell e si connetteva a un server remoto cercando di eludere l'antivirus presente nel computer.

Ogni attacco aveva origine da una mail diversa e ognuna era inviata a un diverso dipendente. Due di questi erano assistenti amministrativi, uno era un contabile e gli altri due degli affari generali. Ciò segue uno schema noto, in cui gli hacker non devono necessariamente raggiungere account sensibili come i top manager o qualcuno dell'IT. Essi cercano piuttosto di colpire l'anello debole in termini di sicurezza e un utente inconsapevole si presta allo scopo. Dopo avere infettato un account o un endpoint, essi tipicamente procedono a infettare dall'interno il resto dell'organizzazione.

Esistono tipicamente due modi di operare:
1. dopo avere infettato un account (ad esempio mediante il CV) una nuova minaccia viene inviata a un'altra persona usando la sua email;
2. un account viene infettato e per suo tramite si individua chi in azienda si occupa di bonifici, fatture ecc. Queste informazioni sono quindi utilizzate per lanciare un attacco phishing mirato.

Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4662 voti)
Leggi i commenti (108)

Le email avevano uno stile amichevole ed erano scritte in modo da sembrare inviate da un dipendente che chiede a un altro collega un parere su un CV. In tutti i casi, le email sono state aperte dai destinatari perché ritenevano fosse un normale CV inviato per visione proprio a loro.

Questa minaccia sottolinea l'importanza di seguire sempre una serie di best practice quando si tratta con le email. Ad esempio:

- Non cliccate sui link. Se necessario digitate l'URL direttamente nel browser.
- Non aprite allegati sospetti, anche se provengono da persone di cui vi fidate.
- Mantenete aggiornati antivirus, patch e altro software.
- Non rivelate informazioni sensibili - personali o aziendali - nelle mail.
- Se non avete la sicurezza che una mail sia legittima, verificatelo contattando l'azienda o la persona al telefono, o mediante altre comunicazioni legittime che avete già ricevuto in precedenza da quell'azienda.

Una volta che gli utenti finali sono stati formati a seguire tali precauzioni, programmi continui di aggiornamento potrebbero servire a rinforzarle e trasformarle in consuetudine.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Anche Office viene installato con la disattivazione di default delle macro, poi è l'utente che deve decidere se attivarle una tantum per un documento specifico o per sempre - opzione chiaramente sconsigliata dalla finestra di dialogo - quindi la scelta passa in mano a chi è di fronte al PC che può esercitarla con discernimento o meno. ... Leggi tutto
12-2-2017 15:35

Già, io invece me li immagino cliccare in un millesimo di secondo su "esegui comunque". in ogni caso, chi ci lavora, mi diceva che alcune macro di Office non funzionano su Libre Office (e forse a questo punto è un bene!), che è per questo che molti non possono abbandonare Office a favore di un alternativa gratuita e Open... Leggi tutto
8-2-2017 10:58

E' una impostazione di sicurezza, LibreOffice ti avvisa. Non so Office, ma me li immagino, gli utonti quadratici medi, spuntare la casella "non chiedere più", visto che tutte quelle finestrelle che appaiono di tanto in tanto sono COSI' NOIOSE... :) Leggi tutto
8-2-2017 09:18

Che io sappia i curriculum si sono sempre inviati anche in formato .doc. Io non me ne intendo di roba d'ufficio, ho una certa allergia, e ho una conoscenza scolastica antica di Office. Ma se in un documento ci sono delle macro, si viene comunque avvisati da una finestra in modo di scegliere se eseguire...? Mi sembra di ricordare qualcosa... Leggi tutto
7-2-2017 18:43

Manca una regola importante: tenere disattivate le funzioni che eseguono le macro nei programmi di office automation. sarebbe anche utile chiedersi PERCHE' MAI un candidato dovrebbe inviare un curriculum in formato .doc, per di più con macro... ma mi rendo conto che queste sono per lo più considerazioni "esoteriche", allo... Leggi tutto
6-2-2017 11:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'è una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (867 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics