Microsoft chiude il social network dimenticato

Nato per promuovere l'e-learning, So.cl non è mai decollato davvero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-03-2017]

microsoft socl chiude

Con tutto quello che è successo in questi anni, è probabile che i più si siano dimenticati che, alla fine del 2011, Microsoft lanciò il proprio social network: So.cl.

Inizialmente riservato agli studenti e intenzionato a non passare per il fratello povero di Facebook, So.Cl fin dall'inizio si presentava come un «progetto sperimentale di ricerca».

Più che un luogo per la creazione di contenuti, So.cl è un luogo per la rielaborazione e la condivisione dei contenuti, con un occhio di attenzione all'e-learning: quando Microsoft parla di «ricerca», infatti, parla proprio di quella fatta attraverso i motori che scandagliano il web, e nella fattispecie Bing.

Non è un caso che, per impostazione predefinita, le ricerche su So.cl siano pubbliche: l'obiettivo è spingere gli utenti a condividere le ricerche per rielaborare poi i risultati coi riff (collage di immagini da usare in luogo delle parole).

Negli ultimi cinque anni e mezzo (o poco più), la vita di So.cl si è trascinata sostanzialmente tranquilla, anche quando l'iscrizione è stata aperta a tutti ed è stato introdotto il supporto agli smartphone.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3981 voti)
Leggi i commenti (46)

Per i gusti di Microsoft, però, la tranquillità deve essere stata un po' eccessiva: pertanto, il prossimo 15 marzo So.cl chiuderà i battenti.

«Socl è stato una magnifica opportunità per l'espressione della creatività, e anche un luogo per ritrovarsi all'interno di una comunità di gente con i medesimi interessi, per condividere e per imparare insieme» scrive Microsoft nell'epitaffio sul blog ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
So.cl, a metà strada tra Google e Facebook
So.cl, il social network di Microsoft per gli studenti

Commenti all'articolo (1)

Nemmeno ricordavo che esistesse... credo non ne sentirò affatto la mancanza. Del resto tutti i social network mi sono assai poco graditi. :wink: R.I.P.
18-3-2017 14:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2365 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics