Poche donne nel settore della sicurezza informatica

Come cambiare questo trend.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-08-2017]

donne lavoro informatica

Non è un segreto che il mondo della cyber security sia dominato dagli uomini. Una predominanza confermata da numerosi dati, ad esempio quelli pubblicati nel 2017 dal "Global Information Security Workforce Study: Women in Cybersecurity" che rileva come le donne rappresentino soltanto l'11% degli addetti alla sicurezza informatica.

exibit1
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se da un lato questi dati sono rimasti invariati nel corso degli ultimi anni, dall'altro è evidente che la necessità di un cambiamento è sentita in maniera sempre più forte. Oltre al fatto che la diversità di genere rappresenta un vantaggio per il lavoro in team, cambiare le cose è di importanza fondamentale anche in vista delle nuove posizioni lavorative che si apriranno nel 2019, pari a 1,5 milioni secondo le stime.

Tuttavia, ci sono alcuni motivi per essere ottimisti. Sono stati avviati alcuni programmi innovativi pensati per attrarre le giovani donne che vogliono intraprendere una carriera nel settore scientifico-tecnologico, e nel campo della sicurezza informatica in particolare.

Di recente, Arbor Networks ha promosso il progetto Girl Develop It, per informare le donne interessate allo sviluppo web e software in merito alle professioni collegate alla sicurezza informatica. A un evento congiunto tenutosi a maggio, i partecipanti al progetto hanno avuto l'opportunità di relazionarsi con i dipendenti di Arbor, prendere parte ad un gioco di attacco e difesa, e chiedere ulteriori informazioni sulla vita lavorativa nell'azienda. Gli ingegneri erano a disposizione per rispondere alle domande più tecniche, e per raccontare com'è la giornata tipo di un ingegnere.

exibit2
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

In uno degli ultimi post sul blog STEM Girls Have Swagger c'è un'intervista a Kaitlin, una ragazza di 16 anni. Secondo lei, la società impone ruoli specifici in base al sesso. Le ragazze possono pertanto sentirsi intimorite e non prendere nemmeno in considerazione una carriera nel settore dell'ingegneria e della tecnologia.

Se le nostre ragazze crescono sentendosi incapaci o intimidite, non sarà mai possibile occupare gli 1,5 milioni di posizioni aperte. La buona notizia è che le cose stanno cambiando (lentamente, ma nella giusta direzione).

La scorsa settimana, Palo Alto Networks ha annunciato una collaborazione con le "Girl Scout" americane per l'avvio di un programma che consenta alle ragazze dai 5 anni in poi di ottenere un distintivo sulla sicurezza informatica nell'autunno del 2018. È un passo importante verso l'eliminazione dei più comuni pregiudizi di genere.

L'aspetto più interessante dell'annuncio riguardava il fatto che le ragazze stesse chiedessero di poter ricevere una formazione di questo tipo; il che significa che tutti i gruppi che sono stati creati per contribuire a sensibilizzare su questa tematica stanno iniziando a fare la differenza.

Riconosciamo non solo che il numero di donne che studiano in ambito scientifico e tecnologico è estremamente esiguo, ma che lo è anche il numero di donne che occupano posizioni dirigenziali nelle società del settore. Il cambiamento deve arrivare da tutte le direzioni. Chiediamo quindi con forza a tutti voi, uomini e donne, di trovare la motivazione per migliorare il mondo che ci circonda, e a comportarvi di conseguenza.

Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (1025 voti)
Leggi i commenti (4)

Se decidete che vi interessano gli studi scientifici e tecnologici, restate fedeli a questa scelta. Incoraggiate le vostre sorelle, figlie, fidanzate, mogli e le altre donne presenti nella vostra vita perché cerchino tutte le opportunità nel campo della tecnologia.

Siamo a una svolta cruciale e non possiamo permetterci per nessun motivo di avere esperienze e/o opportunità diverse per le donne. Se abbiamo dalla nostra l'intelligenza e una forte motivazione, possiamo arrivare ovunque. Quindi, partiamo!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Lasciamo perdere Cesco i lavori pesanti, ormai più nessuno vuole farli, specie di questi tempi dove il costo della manodopera sta diminuendo sempre di più, solo disperati in arrivo da paesi sottosviluppati ormai sono disposti a far certi lavori, con certi salari. Io ricordo molte donne che lavoravano nelle campagne nella stagione... Leggi tutto
15-8-2017 14:50

In realtà ci sono mestieri oggettivamente pesanti che non tutti gli uomini sarebbero in grado di fare, tantomeno tutte le donne... P.es. lavori in fonderia, officine meccaniche pesanti, movimentazione di sacchi (cemento/farina/altro), ecc. Nella mia carriera sono andato in diverse aziende, sia in Italia che all'estero, e le pochissime... Leggi tutto
14-8-2017 19:34

Mi piacerebbe avere dei dati alla mano, nel senso, quante donne neolaureate in informatica ci sono rispetto agli uomini, o comunque formate con corsi, esperienza, ecc? Se sono di più gli uomini, ad avere tali requisiti penso sia normale che questi siano più numerosi in queste mansioni, se invece siamo lì come numero e competenze ci si... Leggi tutto
14-8-2017 18:27

Personalmente ritengo più probabile che le cosiddette tendenze naturali/culturali delle donne siano più figlie del condizionamento plurisecolare di culture e religioni controllate e dominate dagli uomini che di tendenze genetiche o innate del genere femminile (IMHO).
14-8-2017 18:10

{gimno}
@ interceptor Tutto può essere, naturalmente. Ma se fosse come dici, le donne sarebbero vittime, gli uomini sarebbero carnefici, e questo farebbe di tutt'e due i sessi dei bambocci non cresciuti (in regressione, in termini psicologici). Preferisco pensare che le donne per tendenza naturale/culturale si occupino meno di certe... Leggi tutto
11-8-2017 12:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1002 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics