The Pirate Bay ricomincia a sfruttare i Pc degli utenti

Lo script che fa mining di criptovalute è tornato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-10-2017]

pirate bay cryptominer 2

Aveva suscitato parecchie proteste l'esperimento condotto da The Pirate Bay integrando un miner di criptovalute nel codice stesso del sito.

Gli utenti s'erano arrabbiati perché così facendo la Baia sfruttava le loro Cpu a loro insaputa, un comportamento ritenuto del tutto scorretto.

Lo staff di The Pirate Bay s'era scusato, affermando che si trattava soltanto di un esperimento temporaneo e tuttavia lasciando intendere che avrebbe potuto ripoporlo in futuro.

Quel futuro, a quanto pare, è adesso: il miner, che produce la criptovaluta Monero, è tornato, e al momento non è chiaro se si tratti di un ulteriore esperimento o se sia qui per restare.

Il caricamento del miner avviene tramite uno script (fornito da Coinhive), e può essere bloccato dai sistemi di blocco della pubblicità. In caso contrario, gli utenti che visitano The Pirate Bay possono notare un certo aumento nell'attività del processore.

Sondaggio
Come passi maggiormente il tuo tempo online?
Sui social network
Leggendo e scrivendo email
Guardando filmati
Cercando e leggendo informazioni
Giocando online
Leggendo i blog
Sui forum
Ascoltando musica e radio online
Leggendo quotidiani e riviste
Altro (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (1955 voti)
Leggi i commenti (9)

Come già l'altra volta, The Pirate Bay non consente di escludersi dall'operazione, né informa i visitatori di quanto sta accadendo. Certamente si tratta di una forma di remunerazione meno invasiva della pubblicità, ma il modo in cui è implementata è poco trasparente.

Da quanto la Baia ha iniziato a sperimentare con lo script di Coinhive, altri siti hanno iniziato a fare lo stesso, e il fenomeno ha già scatenato alcune reazioni.

Per esempio Cloudflare, famoso fornitore di servizi CDN, ha fatto sapere che sospenderà gli account di tutti i siti che fanno uso di miner similari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Opera 50 difende dai siti che effettuano in segreto il mining di Bitcoin
The Pirate Bay fa mining di criptovalute con i Pc degli utenti

Commenti all'articolo (2)

I politici, naturalmente, in tutto questo che fanno? Sono LATITANTI! Utilizzare il mio PC a mia insaputa è SICURAMENTE un reato! E' come se qualcuno, mentre sono in ufficio, utilizzasse la mia automobile... per poi sostenere che non me l'ha rubata... ci ha solamente fatto un giretto e l'ha rimessa al suo posto. C'è bisogno di un Solone... Leggi tutto
27-10-2017 11:18

Come già detto nel caso precedente ritengo sarebbero più furbi se lo comunicassero esplicitamente chiedendo il consenso agli utenti che, penso, sarebbero più felici di dare un po di tempo della loro CPU piuttosto che sorbirsi inutili e fastidiose pubblicità, facendolo di nascosto, invece, la cosa puzza decisamente di più.
16-10-2017 18:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2589 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics