99 genitori su 100 non sanno proteggere i figli online

Secondo un'indagine effettuata da Symantec.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2018]

children who cyberbully

I genitori italiani sono a conoscenza dei numerosi rischi che presenta la rete e sono consapevoli che i propri figli non sono sufficientemente tutelati dai rischi. Stando agli ultimi dati del Norton Cyber Security Report, un genitore su 17 non intraprende alcuna azione per proteggerli e potrebbe non essere preparato ad affrontare le conseguenze.

I risultati rivelano che l'86% dei genitori ritiene che - dal cyberbullismo ai rischi legati al malware - sia pericoloso consentire ai propri figli di utilizzare computer e dispositivi mobile senza alcuna supervisione; due genitori su cinque si preoccupano della quantità di informazioni che i propri figli possono condividere online. Tuttavia, mentre la maggior parte dei genitori comprende i rischi che i loro figli affrontano online, queste preoccupazioni non sempre si traducono in azioni concrete.

Per il 66% dei genitori italiani è importante prestare attenzione alle informazioni che la propria famiglia condivide sui social media, ma in realtà solo uno su quattro lo fa. Inoltre, sempre un 66% dei genitori non pone limiti alle informazioni sui propri figli che loro stessi condividono sui social media.

L'indagine, che ha coinvolto oltre 1000 adulti in Italia, si proponeva di far condividere le esperienze dei genitori nella gestione delle attività online dei propri figli e il loro grado di certezza nella capacità di mantenerli al sicuro online.

Le principali preoccupazioni dei genitori riguardo alle attività online dei propri figli comprendono:
- Il rischio di cyberbullismo (90%), preoccupazione condivisa particolarmente dai papà (93%).
- La condivisione eccessiva di informazioni personali con estranei (90%).
- Il download di programmi e applicazioni dannose (88%).
- Il troppo tempo trascorso davanti allo schermo (87%).
- Farsi convincere a incontrare persone conosciute in rete (87%).
- Postare contenuti online di cui potrebbero pentirsi una volta cresciuti (87%).

Sondaggio
Se fossi costretto a scegliere: un mese senza sesso o un mese senza smartphone, cosa sceglieresti?
Il problema non si pone: non faccio sesso.
Il problema non si pone: non ho uno smartphone.
Rinuncerei più volentieri al sesso piuttosto che separarmi dallo smartphone.
Rinuncerei più volentieri allo smartphone piuttosto che fare a meno del sesso.

Mostra i risultati (3229 voti)
Leggi i commenti (29)

In molti casi, queste preoccupazioni derivano dall'esperienza personale dei genitori o da quello che hanno sentito da altri genitori:
- Un genitore italiano su tre ha un figlio che è stato vittima di bullismo online o conosce qualcuno i cui figli sono stati vittime di cyberbullismo.
- Quasi un genitore su tre afferma che le attività online dei propri figli hanno compromesso la sicurezza della famiglia o conosce qualcuno che si è trovato in una situazione simile.

Eppure, molti genitori tendono a non intervenire quando si tratta di proteggere i loro figli online:
- Il 63 % non limita l'accesso a nessun sito web o applicazione.
- Più di un genitore su quattro (28%) qualche volta consente ai propri figli di acquistare online senza supervisione.
- Sempre un genitore su quattro chiede ai propri figli di usare i propri dispositivi in aree condivise della casa.
- Tre genitori su cinque i cui figli navigano sul web, permette che ciò avvenga senza supervisione (61%).

Se è vero che esistono modi diversi di approcciare l'essere genitori nell'era digitale, è altrettanto vero che molti non si sentono sicuri o preparati a farlo. Parlare di comportamenti sicuri in rete, stabilire dei confini da non oltrepassare quando si naviga, condividere abitudini in grado di garantire la sicurezza e affrontare i temi del cyberbullismo non deve essere complicato.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
8 punti che i genitori dovrebbero prendere in considerazione per proteggere i propri figli

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

:cappello:
16-6-2018 14:40

Cambiare il titolo dell'articolo in: IL 99% DEI GENITORI NON SA PROTEGGERE SE STESSO ONLINE!! :D :D
14-6-2018 11:02

Da piccolo, mi ricordo che mio nonno se le vedeva tutte, le puntate in TV. Ed era capoofficina in una azienda di lavorazioni meccaniche, mica un analfabeta. Eppure, sosteneva che c'è sempre da imparare. Ed aveva santissima ragione.
6-6-2018 14:26

{umby}
Ma se 98 genitori su 100 sono solo capaci di usare un computer/cellulare su fessbuc, come pretendi che riescano gestire i loro figli? Non sto scherzando, è l'amara verità? Come quella mamma, mia amica, con la figlia quindicenne che fumava come una turca... "Fumo io e non posso impedire a lei di fare... Leggi tutto
4-6-2018 14:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (905 voti)
Settembre 2018
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Tutti gli Arretrati


web metrics