A Facebook il premio speciale "Minaccia da una vita"



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-06-2018]

bba 3 zuckerberg

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Big Brother Awards 2018: da Google ad Amazon, tutte le peggiori minacce per la privacy

La seconda categoria dei Big Brother Award 2018 è Minaccia Nazionale: viene assegnato per la più grave decisione pubblica o manipolazione dell'informazione fatta da un ente pubblico o da un suo rappresentante e quest'anno va al Parlamento della Repubblica Italiana e in particolare ai firmatari della legge sulla conservazione dei dati personali Walter Verini, Mara Mucci e Giuseppe Berretta.

«La quantità di dati generati da ogni persona nella società dell'informazione è enorme e la conservazione dei dati per finalità di giustizia richiede un delicatissimo bilanciamento fra "sicurezza e privacy"» spiegano le motivazioni del premio.

«Questo bilanciamento è saltato completamente quando in Italia è stata approvata una normativa che estende in modo indiscriminato la conservazione di dati di traffico telematico e telefonico alla durata di 6 anni, legge incompatibile con l'ordinamento comunitario, che porterà a certe procedure da parte della UE ed è stata duramente criticata dal Garante della Privacy».

Quali effetti ha questa legge per le persone comuni? Semplice: «Un cittadino italiano nel 2023 non ricorderà sicuramente che sito avesse visitato l'8 Giugno 2018 alle ore 18.15. Ma lo stato italiano sì».

Proseguendo, nella categoria Minaccia da una vita, assegnato a chi ha meritato per più anni consecutivi uno dei premi precedenti, il vincitore assoluto è Facebook.

Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1399 voti)
Leggi i commenti (7)

«In un mondo in veloce cambiamento poche aziende avrebbero potuto rimanere sulla cresta dell'onda per anni e anni riuscendo a sviare, rimandare, procrastinare sempre l'adozione di misure minime di rispetto dei propri utenti e della loro privacy. Facebook ci è riuscita e merita un premio speciale alla carriera per essere sempre restata fedele alla propria natura intima di violatore, molestatore, minacciatore dell'identità digitale dei cittadini» scrivono, ironici, i giudici dei BBA.

Gli scandali recenti hanno portato il fondatore a mostrare con disarmante candore la vera faccia di Facebook in un'audizione pubblica al Congresso degli Stati Unitila reale natura del network: non essere sociale ma... «Senator, we run ads», come ha dichiarato senza imbarazzo Mark Zuckerberg.

«Fanno pubblicità» spiegano le motivazioni del premio. «Tutto qui, e senza neppure lo sforzo di investire nella realizzazione di un contenuto accattivante ma semplicemente proponendo in modo selettivo ad ogni proprio utente ciò che solletica di più le sue risposte meno mediate, e lo tiene attaccato praticamente un grande distributore di odio di scala planetaria»

. «Cari utenti di Facebook» - conclude la motivazione del premio - «non siete voi il loro prodotto: è la parte peggiore di voi - l'odio, l'invidia, il disprezzo, il risentimento, l'intolleranza - che gli algoritmi di Facebook selezioneranno accuratamente per mostrarli a chi più verrà offeso da questo. Lo chiamano engagement: è l'apoteosi della brutalità e dell'inciviltà».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Altroconsumo, il paladino della privacy

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


Anonimo, premesso che spesso chi inizia una risposta con "quindi" trae conclusioni evidentemente arbitrarie dimostrando di averci capito abbastanza poco :D, ti sfugge la differenza fondamentale tra uno stato sovrano e una qualsiasi impresa, quand'anche multinazionale. Notizia di oggi è il divieto di pagare stipendi in... Leggi tutto
18-6-2018 08:44

Straquoto tutto dalla prima all'ultima parola, comprese la punteggiatura, le virgolette e i trattini! Leggi tutto
15-6-2018 19:17

{utente anonimo}
@zio_Lonewolf Quindi, se non ho capito male, se qualcuno a cui hai volontariamente dato informazioni su di te ne fa un uso che potrebbe arrecarti danno o pregiudizio ti inc***i nonostante fosse evidente che ne avrebbe fatto quell'uso, ma se lo stato italiano fa la stessa cosa va bene perchè è "A BENEFICIO DEL... Leggi tutto
12-6-2018 15:42

quindi se ho capito bene ufficialmente non dovrebbero ma l'hanno fatto e non è detto che non continuino a farlo. tipico. (comunque non ho mai messo in dubbio che lo facessero, mettevo in dubbio che lo facessero in modo legittimo... :roll: )
12-6-2018 13:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2301 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics