Big Brother Awards 2018: da Google ad Amazon, tutte le peggiori minacce per la privacy



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-06-2018]

BigBrother awards 2018 italia

Sono stati consegnati lo scorso 8 giugno i Big Brother Awards (BBA) Italia 2018, i premi che annualmente segnalano chi più ha danneggiato la privacy nei precedenti 12 mesi.

L'evento s'è tenuto a Bologna, nella Biblioteca Salaborsa, in occasione del convegno e-privacy 2018 ed è stato organizzato dal Centro Hermes per la trasparenza e i diritti umani digitali insieme ad altri partner.

Oggigiorno, in uno scenario in cui gli usi e gli abusi dei dati che ognuno conferisce quando utilizza un servizio online sono di dominio pubblico, i Big Brother Awards sono particolarmente importanti, perché ci ricordano come, al di là delle bell parole, troppe aziende fanno un uso disinvolto delle informazioni di cui entrano in possesso.

Ciò è ancora più vero poiché la maggioranza dei cittadini digitali sembra ormai convinta che parlare di libertà e diritti civili in Rete sia un esercizio retorico e ripetitivo e che il tecnocontrollo sociale sia ormai la realtà da accettare ed alla quale è inutile opporsi.

Nonostante questa atmosfera cupa, i BBA sono una iniziativa seria ma realizzata con allegria; tutti i BBA sono infatti permeati anche dalla voglia di divertirsi, non certo per sdrammatizzare la situazione, ma perché - come sostengono gli organizzatori - «fare le cose con allegria aiuta a farle bene».

I Big Brother Awards 2018 sono stati assegnati in diverse categorie "negative", ossia nelle quali s'è distinto chi maggiormente ha minacciato la privacy, e in una positiva, in cui il vincitore s'è naturalmente distinto nel senso opposto.

La prima categorie è Rischio Tecnologico: il premio viene assegnato alla nuova tecnologia più rischiosa per i cittadini digitali.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! ╚ molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona cosý
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
╚ una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (2154 voti)
Leggi i commenti (6)

I tre vincitori a pari merito sono Amazon AWS IoT Services, Google Cloud IoT e Particle Industries, Inc, tutte aziende che guidano il mercato della fornitura di servizi cloud per l'Internet delle Cose (IoT).

Per sviluppare questi servizi, le aziende analizzano gi enormi flussi di dati generati dagli oggetti IoT con tecniche di Big Data Analysis e Deep Learning, riuscendo a creare profili normali/psicografici dei possessori di uno o più oggetti IoT.

L'analisi di questi flussi di dati conferisce un potere di profilazione e tecnocontrollo maggiore di quello oggetto dell'affaire Facebook/Cambridge Analitica. Un potere enorme, che può essere limitato, anzi autolimitato, solo dalle condizioni di servizio decise unilateralmente dai fornitori di servizi stessi; tuttavia, tutti questi fornitori non pubblicizzano molti particolari su questo aspetto.

«Considerando che qualsiasi limitazione che il fornitore si imponesse autonomamente comporterebbe la perdita di un affare estremamente redditizio» - concludono i giudici dei BBA - «ci si può domandare se delle autolimitazioni verranno poste in essere in futuro».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
A Facebook il premio speciale "Minaccia da una vita"

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


Anonimo, premesso che spesso chi inizia una risposta con "quindi" trae conclusioni evidentemente arbitrarie dimostrando di averci capito abbastanza poco :D, ti sfugge la differenza fondamentale tra uno stato sovrano e una qualsiasi impresa, quand'anche multinazionale. Notizia di oggi Ŕ il divieto di pagare stipendi in... Leggi tutto
18-6-2018 08:44

Straquoto tutto dalla prima all'ultima parola, comprese la punteggiatura, le virgolette e i trattini! Leggi tutto
15-6-2018 19:17

{utente anonimo}
@zio_Lonewolf Quindi, se non ho capito male, se qualcuno a cui hai volontariamente dato informazioni su di te ne fa un uso che potrebbe arrecarti danno o pregiudizio ti inc***i nonostante fosse evidente che ne avrebbe fatto quell'uso, ma se lo stato italiano fa la stessa cosa va bene perchè è "A BENEFICIO DEL... Leggi tutto
12-6-2018 15:42

quindi se ho capito bene ufficialmente non dovrebbero ma l'hanno fatto e non Ŕ detto che non continuino a farlo. tipico. (comunque non ho mai messo in dubbio che lo facessero, mettevo in dubbio che lo facessero in modo legittimo... :roll: )
12-6-2018 13:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerÓ realtÓ per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietÓ degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirÓ le password: conoscerÓ le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identitÓ.
Smart City: le cittÓ faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1337 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 giugno


web metrics