Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani

Lo sostengono alcuni documenti interni rivelati durante una class action.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-01-2019]

facebook giochini bambini

Che Facebook non sia un ente di beneficenza ma un'azienda e che, come tale, al di là dei proclami punta a generare profitti non dovrebbe essere un mistero per nessuno.

Alcuni documenti che - stando a quanto riporta Reveal - saranno presto resi completamente pubblici e che riguardano una class action in corso dal 2012 rivelano però che a ciò bisogna aggiungere un comportamento, da parte dei dipendenti e dei dirigenti, del tutto privo di scrupoli.

Sotto accusa sono i giochi utilizzabili tramite il social network, che spesso consentono di iniziare a giocare gratuitamente ma poi permettono di fare acquisti dall'interno del videogame stesso, e sono una sorta di calamita per bambini e minorenni.

La presenza di bambini sotto i 13 anni su Facebook è un altro elemento che non dovrebbe sorprendere: sono molti quelli che mentono sull'età per potervi accedere, spesso con il beneplacito dei genitori.

Ebbene, bambini e minorenni in generale iniziano a giocare, e per pagare usano la carta di credito di mamma e papà. Il problema è che le richieste di pagamento sono spesso scritte in maniera da essere volutamente confuse: a prima vista non si capisce che il pagamento non avverrà una volta soltanto, ma sarà ripetuto nel tempo.

Se già un adulto può essere sviato da questa formulazione imprecisa, figuriamoci che cosa possa accadere a un bambino che non vuole perdere tempo con i dettagli tecnici ma procedere nel gioco: in breve tempo, gli addebiti sulla carta di credito raggiungono cifre molto elevate.

I documenti mostrano come all'interno di Facebook questo fenomeno sia tutt'altro che sconosciuto: anzi, il social network appare del tutto intenzionato ad approfittare di questa «confusione diffusa», alimentata dal fatto che, in molti casi, i più giovani «credevano che gli acquisti venissero fatti con denaro virtuale, e che sulla carta di credito della madre non venissero fatti addebiti».

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1625 voti)
Leggi i commenti (31)

C'è addirittura un memo interno a Facebook, nel quale si può leggere: «In quasi tutti i casi i genitori sapevano che i figli stavano giocando a Angry Birds, ma non pensavano che il bambino potesse acquistare alcunché senza la loro password o la loro autorizzazione».

Dunque Facebook non solo sapeva e sa della poca chiarezza dei termini ma, quando i genitori chiedono un rimborso per gli acquisti fatti incautamente dai figli, si limita a negare la richiesta senza pensarci due volte (operazione peraltro particolarmente grave agli occhi di un americano, che vive nella "terra dei rimborso facile").

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

:ola: Leggi tutto
3-2-2019 22:18

Il vero problema è che oggi e su certi aspetti non è possibile un'adeguata selezione naturale... :twisted:
24-1-2019 18:46

Ma cosa pretendete dall'utonto medio? Che si faccia pure delle domande del perchè un servizio del genere è gratuito, certo, non c'è da pretendere che facciano beneficenza ma più degli altri se ne fregano.
24-1-2019 17:22

{Renato}
Certo che gli Statunitensi sono proprio ingenui: primo errore comunicare la carta di credito ad un Social che nel suo utilizzo è gratuito è da masochisti; secondo non avere un avviso di utilizzo della stessa è irresponsabile. Chiudo considerando che i giochini proposti da Facebook sono a volte dei veicoli di malware... Leggi tutto
24-1-2019 08:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te il Codice della Strada dovrebbe proibire di indossare i Google Glass mentre si guida?
Sì, perché rappresentano una distrazione peggiore degli SMS, e quindi un pericolo.
No, perché come tutte le cose possono essere utilizzati bene o male. Altrimenti dovremmo vietare anche i navigatori GPS.
Ho un'altra opinione (la illustro nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (850 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics