Windows 10, via le piastrelle dal menu Start

Una build interna Microsoft segna la sparizione delle Live Tiles.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2019]

windows 10 live tiles addio

Windows 8 fu, per Microsoft, davvero una scommessa: non tanto per le migliorie apportate "sotto al cofano", delle quali nessuno dubita, ma per l'interfaccia in stile tablet di cui nessuno s'è mai veramente innamorato.

Infatti Windows 10 ripristinò un menu Start utilizzabile, sebbene in parte diverso da quello presente in Windows 7 e popolato con le Live Tiles, le "piastrelle" che appaiono nella parte destra del menu mostrando collegamenti alle applicazioni, aggiornamenti e notizie e che erano anche la caratteristica principale dell'aspetto di Windows Phone. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6390 voti)
Leggi i commenti (71)
Ora, come si evince da una build interna di Windows 10, anche questi ultimi avanzi dell'interfaccia di Windows 8 stanno per essere spazzati via.

Nella build infatti le Live Tiles sono sostituite da una griglia di icone dall'apparenza molto più tradizionale: è possibile che si tratti della versione del menu Start che è stata pensata per Windows Lite, come peraltro già si vociferava qualche mese fa.

La build che mostra la novità sembra essere sfuggita per sbaglio: è giunta ai membri del programma Windows Insider, ma ha tutta l'aria di una versione interna non ancora pronta per essere sottoposta all'esame dei tester. Essendo stata compilata meno di 24 ore prima del rilascio, infatti, non ha potuto affrontare nemmeno i test interni all'azienda.

Se i piani di cui era giunta voce all'inizio dell'anno saranno rispettati, le piastrelle saranno eliminate innanzitutto da Windows Lite, ma poi questa modalità dovrebbe passare anche nell'edizione standard di Windows 10, magari sotto forma di opzione.

Chissà, quando ciò succederà, quanti saranno gli utenti a voler restare fedeli alle Live Tiles.

Qui sotto, il video che mostra il nuovo menu Start.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Così potrebbe essere Windows 11
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Windows 10, torna il menu Start
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Io mi sono attenuto alla tecnica. Usa windows? Produce rifiuti che rifiuti non sono e l'ho dimostrato mi pare. Il sistema da 60MB dello screnshot è un IBM T41 di 14 anni che ho riattato a media center, lettore dvd, giochi in flash, musica etc. L'altro è un sistema che tengo di scorta per il pc più moderno che uso tutti i giorni, un... Leggi tutto
7-8-2019 18:40

Sulla Thunberg siamo decisamente OT, comunque mi pare tutto tranne che ignorante. Ma vedo che va molto di moda darle contro, anche con articoli ridicoli come questo ad esempio. Forse alla ricerca frenetica del "disonore di un giusto", di cui parlava Dostoevskij.
7-8-2019 15:15

Primo un computer che ancora funziona non è un rifiuto e quindi non è da buttare anche perché dove lo butti? Poi te li rispediscono indietro[/url] :lol: Quindi ditelo a [url=http://forum.zeusnews.com/link/665155]#Greta che per salvare il pianeta non basta portarsi la borraccia da casa ma deve anche smettere di usare #Windows e... Leggi tutto
6-8-2019 20:52

Si' certo, interessante :) Ma 60 o 80 mega di ram di fatto sono piu' legati al piacere dell'ottimizzazione che a esigenze pratiche. La cosa significativa e' che seguendo un certo modo di ragionare si puo' utilizzare e riutilizzare l'hardware per molti anni, invece di rincorrere sfrenatamente l'ultimo gingillo colorato, gettando via e... Leggi tutto
6-8-2019 16:00

E' che ho voluto strafare :P Ho voluto fare un sistema a prova di utonto e allora ho esagerato e ci ho messo LXDE come desktop manager. E' possibile fare anche di meglio! [img:d2fe888332]https://pclinux.eu/images/Core.png[/img:d2fe888332] E comunque tra JWM della seconda foto e LXDE a livello di immediatezza non è che ci sia... Leggi tutto
6-8-2019 14:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics