Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-08-2019]

Datadrifter di Spyglass Security è un nuovo motore di ricerca che trova i bucket di Google Cloud lasciati aperti. Se fate sign-in con un account Google, scegliete Explore e poi Images, troverete davvero di tutto.

Attenzione: molte immagini e molti video sono assolutamente non adatti ad ambienti con minori o luoghi di lavoro. Questa è la schermata più safe for work che sono riuscito a catturare (e anche così ho dovuto mascherarne una parte).

Notate in basso a destra l'immagine di quello che sembra essere un impianto di lettura automatica di indirizzi postali, con buona pace di GDPR, leggi sulla privacy, sicurezza informatica e compagnia bella.

bucket1

Datadrifter offre anche una funzione di ricerca, in versione semplice o avanzata. La versione a pagamento (da 20 dollari/mese in su) permette di approfondire la ricerca, ma non ho ancora provato: devo ancora sciacquarmi gli occhi per le cose che ho visto. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
Sì, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (1690 voti)
Leggi i commenti (16)
Nella ricerca semplice è sufficiente immettere il nome di un bucket trovato per esempio nella sezione Explore per ottenere un elenco di file come questo, che riguarda il lettore di indirizzi postali:
bucket2

Sono tentato di abbonarmi per vedere cosa trova. Qualcuno di voi lo conosceva già e lo ha già provato?

Secondariamente: ma quanto bisogna essere incompetenti per lasciare un bucket Google Cloud leggibile dal mondo intero?

La versione a pagamento permette di vedere molto di più: scansando a fatica l'ondata di immagini pornografiche, emergono decine di immagini di documenti personali, alcuni dei quali anche italiani, e di screenshot di transazioni di acquisto, con nomi, cognomi, date e importi. Ho trovato il nome di almeno una delle aziende che sta mettendo online questi documenti.

Un clic destro sull'immagine seguito da Copy Image Location permette di risalire al bucket e verificare che l'immagine è realmente accessibile a chiunque, come in questo caso volutamente innocuo (la foto di un cane). Gli URL sembrano essere tutti del tipo https://www.googleapis.com/download/storage/v1/b/[nome del bucket]/o/[path][nomefile][parametri].

Fra i nomi dei bucket ho notato welo, cluster-media, simplestorage, phil-videos, piratebay-pics (decisamente NSFW), appstore-assets, nextpro, mastodon, imwork, alarabiya-assets, vidooly, symphonyimages, fcc-photos, chinatimes, store-production e altri ancora.

Nello screenshot qui sotto ho coperto io i dati sensibili, che negli originali sono perfettamente leggibili:

bucket3

Ora sarebbe interessante trovare il modo di sapere a quali aziende appartengono questi bucket colabrodo e contattarle per sapere se la visibilità è consapevole e intenzionale o se è un errore gravissimo da correggere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Anche se sono la famosa eccezione che conferna la regola. :roll: Leggi tutto
11-8-2019 11:10

{paleo}
Concordo con pietro1953, senza essere razzista né radical chic. E' questione di età, dopo una vita passata a sentire di politica, a lavorare con altre persone in molte aziende diverse e in Paesi diversi, ad osservare il ripetersi ciclico degli stessi schemi, posso dire senza tema di sbagliare e senza essere uno... Leggi tutto
10-8-2019 11:24

Sarò anche razzista e radical chic, ma per me tentare di difendere la gente dalla propria imbecillità è un'impresa persa a priori
9-8-2019 22:05

{Alberto}
Ma infatti la versione Free non trova una cippa.
9-8-2019 14:47

{Silver}
In realtà avevi già pagato per la "pro", con l'account free non ti permette affatto fare ricerche. :-D
9-8-2019 08:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Gli smartphone integrano fotocamere sempre più potenti e tecnologicamente avanzate. Pensi che le fotocamere compatte diverranno un prodotto di nicchia?
Sì, perché è più comodo avere un unico dispositivo che faccia tutto quanto e che porto sempre con me
No, perché le fotocamere compatte saranno sempre un passo avanti con l'ottica, lo zoom, il flash e via dicendo
Non voglio azzardare una previsione.

Mostra i risultati (1732 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics