"No, non è la BBC" : intervista sulla Tv a Paolo Attivissimo

Conversazione a 360° sulla BBC e la Rai: in cosa differiscono la Tv pubblica inglese e quella italiana?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-01-2004]

Paolo Attivissimo, uno dei redattori più conosciuti e letti di Zeus News vive da molti anni in Gran Bretagna da dove scrive e svolge la sua attività di traduttore e giornalista informatico.

Spesso in Italia si decantano le virtù della Tv inglese, la mitica BBC, ma è una bufala il mito della BBC anche rispetto alla nostra Rai che compie 50 anni? Glielo abbiamo chiesto in un'intervista esclusiva:

ZN: In Italia la Tv è centrale: se ne discute moltissimo, i giornali, soprattutto quotidiani, non sono molto letti, Internet comincia a diffondersi solo adesso, per cui la Tv è al centro della vita politica, sociale, culturale. E' così anche in Gran Bretagna?

Paolo Attivissimo: La televisione in Gran Bretagna ha senz'altro un ruolo molto importante, ma non credo sia centrale quanto lo e' in Italia. I quotidiani qui in GB sono molto diffusi e molto letti da tutte le fasce sociali, anche se in molti gran parte la loro qualita' e' scadente e si basano piu' sullo scandalo e la provocazione -- penso a The Sun e alle sue classiche donnine in topless a pagina 3 -- che sulla qualita' del giornalismo.

Sono comunque una fonte considerevole di informazione (e disinformazione), e tolti di mezzo questi tabloid semiscandalistici, il cui contenuto e' fortemente controllato dagli orientamenti politici dei proprietari, ci sono testate ben piu' autorevoli che contano un elevato numero di lettori e fanno del gran giornalismo.

Sono testate che non hanno scrupoli a fare quello che curiosamente in Italia ben pochi giornalisti fanno e ben pochi editori consentono, ossia andare sul campo, magari in incognito, e fare vera ricerca, verifica e indagine.

Questo tipo di giornalismo in Italia sembra essere presente soltanto nei programmi satirici come Striscia la Notizia o Le Iene.

Un'altra differenza importante è che l'offerta televisiva inglese è molto piu' frammentata di quella italiana. Oltre ai soli cinque canali terrestri (il canale generalista BBC1, il canale 'culturale' BBC2, la TV commerciale di ITV, Channel 4 e Channel 5), ci sono infatti da anni le offerte via satellite di Sky, che contava gia' un milione di abbonati nel 1990 e ora ne ha 17 milioni.

In piu' si e' aggiunta da un paio d'anni la famosa televisione digitale terrestre tanto contestata in Italia, che inizialmente e' stato un flop ma ora, dopo un drastico cambio di politica commerciale (abolizione del canone per la TDT), sta prendendo piede, con decine di canali gratuiti. Un decoder TDT qui costa 75 euro e si compra al supermercato.

In conseguenza di questa frammentazione, e' raro che l'intera popolazione si trovi a condividere lo stesso programma, per cui una trasmissione televisiva non ha lo stesso impatto e la stessa grande audience di un evento televisivo italiano.

Ci sono alcune eccezioni notevoli, come le soap opera Eastenders e l'immortale Coronation Street, che sono in onda da sempre (la seconda è iniziata nel 1960) e sistematicamente radunano oltre dieci di milioni di spettatori a puntata e sono parte integrante della cultura locale (e' normale sentire due persone sull'autobus che discutono delle disavventure degli interpreti di "Corrie" come se si trattasse di persone reali, spesso con effetti comici), o l'autorevolissimo Ten O'Clock News della TV commerciale.

ZN: Molto spesso si contrappone la BBC alla Rai: in termini di presenza della pubblicità, in termini di informazione attendibile ed oggettiva, in termini di spazio dato a programmi di qualità come divulgazione scientifica ed artistica, concerti di musica "seria", programmi educativi. E' un mito, meglio una "bufala" o c'è qualcosa di vero?

Paolo Attivissimo: C'e' molto di vero. Innanzi tutto, la differenza che balza agli occhi e' la totale, totale assenza di pubblicita' nei canali della BBC. Niente telepromozioni, niente spot, nulla. Il canone televisivo costa 116 sterline (circa 167 euro) l'anno, ma il piacere di vedere un film o un documentario senza interruzioni val bene la differenza rispetto alla soluzione mista canone+spot della Rai.

L'attendibilita' dell'informazione BBC e' proverbiale, tant'e' vero che spesso persino nei paesi arabi -- in cui il Regno Unito non e' molto ben visto -- viene usata, tramite il World Service satellitare e radiofonico, per sapere davvero cosa sta succedendo. La BBC si vanta spesso di essere stata criticata, ai tempi del conflitto delle Falklands, dalla Thatcher per essere stata "troppo filoargentina".

C'e' da dire comunque che c'e' una sorta di censura piuttosto pesante, o per meglio dire una scelta di produrre informazione rassicurante, combinata con un'etica professionale molto rigorosa e rispettata. Qui l'integrita' del giornalista e' tutto.

Proprio in questi giorni, un celeberrimo conduttore televisivo, Robert Kilroy-Silk, si e' visto sospendere il programma per aver fatto delle affermazioni razziste (anti-islamiche) in un articolo di giornale. Qui in GB, una microfonata in faccia come quella di Del Noce all'inviato di Striscia la Notizia sarebbe costato il posto al direttore di Raiuno.

Il telegiornale non e' gridato, non si sbattono immagini di pozze di sangue in prima serata, si avvisano i telespettatori se ci sono sequenze con flash ripetuti di fotografi (possono indurre crisi negli epilettici) o immagini troppo crude (mai comunque trasmesse prima delle 21, ora dello "spartiacque" o "watershed", ossia del momento in cui in teoria i bambini vanno a letto -- e molti lo fanno davvero).

Questo non significa che non vi sia informazione o che vi siano tabu': dopo le 21 va in onda davvero di tutto. Non intendo pornografia (quella va in onda sui canali commerciali, ed e' comunque piuttosto soft), ma documentari sui temi piu' delicati e difficili, dall'eutanasia alla vita di chi e' stato sfigurato dalla guerra (un reduce delle Falkland che ha perso letteralmente il viso e' diventato un testimonial di molte campagne sociali) alla vaginoplastica, senza imbarazzi o mascherine a coprire dettagli anatomici.

Johnny 'Rotten' Lydon puo' parlare liberamente di far sesso con la regina senza essere oscurato. Purtroppo questo non ha aiutato gli inglesi, finora, a togliersi di dosso la proverbiale difficolta' a parlare seriamente di sesso, col risultato che l'isola e' in testa alla classifica delle gravidanze minorili, ma questa e' un'altra storia.

Il fatto di avere una chiara missione culturale su mandato del governo e di non essere soggetta ai vincoli numerici di audience ma a quelli piu' sfumati di "gradimento" (non importa avere 10 milioni di spettatori distratti, importa averne 500.000 entusiasti) ha permesso alla BBC di mantenere una tradizione di produzione di documentari esportati in tutto il mondo, al punto che la BBC e' il secondo esportatore mondiale di programmi televisivi dopo gli Stati Uniti.

ZN: Tv e Politica. In Italia sempre più si parla di una Rai troppo dipendente o censurata dal Governo, quello in un dato momento in carica, prima di CentroSinistra e poi di CentroDestra. In Gran Bretagna abbiamo avuto, però, lo scontro tra il Premier laburista Blair e la BBC a proposito del dossier armi segrete e il connesso suicidio dello scienziato. Un parere spassionato, Paolo?

Paolo Attivissimo: La mia impressione e' che in Italia (seguo i canali Rai via satellite) la Rai, come la TV commerciale, abbia sempre operato una sorta di "autocensura preventiva" per ingraziarsi il potente di turno. Non mi sembra che la cosa sia piu' marcata oggi rispetto a prima.

Ricordiamo tutti l'espulsione di Beppe Grillo per una battuta sui socialisti, e in tempi piu' lontani Tognazzi e Vianello ostracizzati per un'allusione al Presidente della Repubblica. Avendo avuto occasione, nel mio piccolo, di parlare con alcuni personaggi Rai, ho avuto la chiara sensazione che ci sono cose che si sanno ma che e' meglio non dire per non trovarsi la carriera bloccata; parlo non solo di questioni politiche, ma anche di interessi commerciali.

Ci sono alcune grandi aziende italiane, quelle del "salotto buono", che non verranno mai criticate dalla Rai (con la lodevole eccezione di "Mi Manda Raitre" e talvolta di "Report"), punto e basta. E questo non avviene perche' dall'alto arriva la velina, come molti immaginano, ma perche' il funzionario Rai intuisce (o pensa di intuire) cosa risultera' sgradito al potente.

Per la questione Blair/BBC, e' stato a mio avviso da un lato un caso esemplare di dimostrazione dell'autonomia della televisione di stato, che e' televisione "di stato", ossia espressione della nazione, non "del governo", ma dall'altro uno scivolone verso il sensazionalismo.

La BBC ha sbagliato nel non tutelare adeguatamente la riservatezza della sua fonte (il dottor Kelly, poi suicidatosi in circostanze poco chiare), ma anche il governo si e' trovato in imbarazzo quando si e' smascherata l'inconsistenza delle sue affermazioni sulla minaccia militare irachena e soprattutto la fonte usata per gran parte del dossier (una ricerca condotta da uno studente anni prima, copiata spesso parola per parola).

Va detto che quello che qui viene definito "sensazionalismo" è quello che succede tutti i giorni nei telegionali italiani: si sbatte il presunto mostro in prima pagina, si domanda "che cosa ha provato" alle persone sopravvissute alle tragedie piu' disumane, e poi eventualmente si pubblica la rettifica. Rispetto agli standard della BBC, e' stato uno scivolone; rispetto agli standard italiani, purtroppo, e' stato un evento di ordinaria amministrazione.

ZN: Come vedi il rapporto Rai-Tv private e quello BBC-Private inglesi?

Paolo Attivissimo: Molto semplicemente, in Italia da tempo non c'e' contrapposizione fra le due entita'. Con l'eccezione dei programmi per bambini (che mi trovo a frequentare per ragioni di famiglia), faccio fatica a distinguere, se non per il logo, i programmi Rai da quelli delle TV private (perlomeno quelli delle reti Mediaset; taccio, per decenza, sul livello infimo delle televisioni locali, ridotte a deposito di vecchi cartoni giapponesi e squallidi telepromotori).

Rai e Mediaset hanno entrambi telepromozioni e spot; spesso si copiano a vicenda i format televisivi; entrambi rincorrono l'audience pura (il numero di spettatori). Che differenza c'e'?

In Inghilterra, invece, la contrapposizione e' netta: la mancanza di spot e l'impostazione piu' pacata e autorevole rende facile distinguere la TV commerciale (che e' sfacciatamente commerciale e se ne vanta) da quella nazionale (che e' orgogliosa di fare, come dicevo, programmi che magari vengono visti da quattro gatti ma a quei quattro gatti piacciono tanto).

La TV privata locale in Inghilterra sostanzialmente non esiste, in quanto non si e' mai passati dalla fase delle "antenne selvagge" degli anni Settanta: la TV commerciale e' divisa in concessioni regionali, e ciascuna emittente irradia programmi leggermente diversi e un telegiornale locale differente per ciascuna regione (un po' come fa Raitre).

Penso che dalla TV inglese ci siano lezioni da imparare per tutti gli operatori televisivi italiani, in termini di etica professionale, di soluzioni per l'introduzione delle nuove tecnologie, di tutela del cittadino e della sua privacy e di tutela dei minori.

C'e' tanta gente di talento nel settore televisivo italiano, davanti e dietro le telecamere. E' un peccato vederla soffocata da funzionari che si ritengono semidei e trattano lo spettatore come un cretino a cui va bene qualsiasi cosa (o per meglio dire, qualsiasi coscia).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Paolo Attivissimo
per Bruno: proverbiale? Leggi tutto
29-1-2004 16:49

Bruno Stucchi
"L'attendibilita' dell'informazione BBC e' proverbiale..." Ahahaha!!!Vedi caso Andrew Gilligan....
29-1-2004 15:25

Marcus
Grande Paolo Leggi tutto
29-1-2004 00:15

ago
Come al solito... Leggi tutto
28-1-2004 16:11

beppe
Ho visto la televisione francese e sostanzialmente non vedo grandi differenze, il problema italiano è la mancanza di programmi informativi, basta con quiz e veline; per quanto riguarda il canone se serve per guardarsi un film o un documentario senza pubblicità ben venga.p.s. l'informazione in RAI è e lo sarà... Leggi tutto
26-1-2004 15:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre pi attacchi automatizzati verso i server anzich verso gli individui.
Gli attacchi sono pi globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre pi veloci.
I tentativi di transazioni sono pi estesi e pi elevati.
Gli attacchi sono pi difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1498 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics