La shell Unix secondo Microsoft

Il colosso di Redmond includerà in Longhorn una shell in grado di venire incontro ai sysadmin più esigenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2004]

Il nome in codice della prossima applicazione targata Microsoft è Monad. Sarà, per la gioia di tutti gli amministratori di sistema, una console in grado di semplificare i compiti ripetitivi e offrire un potente strumento da riga di comando.

Microsoft Shell (MSH), questo il vero nome di Monad, sarà un'innovazione inclusa in Longhorn, il sistema operativo successore di Xp, che andrà ad affiancarsi al nuovo file system WinFs e al sistema grafico Avalon.

Per la verità Monad non è una vera e propria novità, dal momento che ricalca sotto molti punti di vista la bash (Bourne again shell) utilizzata su sistemi Unix, Linux in primis.

La popolarità della shell tra i sysadmin è risaputa: veloce ed efficace la console permette ad esempio la concatenazione di più comandi dati in sequenza. Si legge a tal proposito sulla Guida avanzata di scripting Bash: "La shell è un interprete di comandi. Molto più che una semplice interfaccia tra il kernel del sistema operativo e l'utilizzatore, è anche un vero e proprio potente linguaggio di programmazione. Un programma di shell, chiamato script, è uno strumento semplice da usare per creare applicazioni "incollando" insieme chiamate di sistema, strumenti, utility e file binari (eseguibili). Uno script di shell può utilizzare virtualmente l'intero repertorio di comandi, utility e strumenti Unix".

Microsoft Shell può eseguire dei semplici comandi denominati Cmdlet (command-let) e ovviamente anche degli script che, per poter essere eseguiti dalla shell, dovranno avere come estensione .msh.

La console, ancora in fase di beta testing, necessita del .Net Framework e attualmente può essere installata anche su Windows Xp. Moltissime anticipazioni ed esempi di comandi e di script eseguibili da shell si possono trovare nella trascrizione di un episodio del .Net Show, una trasmissione realizzata da Microsoft per illustrare le prossime tecnologie che troveranno spazio in Longhorn e saranno rese possibili dal .Net Framework.

Per chi fosse curioso di provare Monad, Microsoft mette a disposizione una preview per gli aspiranti betatester. Basterà avere un account Passport collegarsi al sito Betaplace e, come si può leggere dalla trascrizione del .Net show, inserire come account guess "mshPDC" (senza virgolette).

I fortunati riceveranno entro 48 ore una email con l'invito a testare il programma e potranno procedere al download di Msh e partecipare all'apposito newsgroup allestito da Microsoft.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

blackwolf
shell microsoft Leggi tutto
20-10-2004 13:10

MSH? Leggi tutto
28-8-2004 10:31

GianLuca
mah.. Leggi tutto
2-7-2004 13:54

l0ne
Precisazione Leggi tutto
2-7-2004 08:46

daniela
come disse Jimpxy Leggi tutto
1-7-2004 18:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1408 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics