Pentium IV guarda avanti... forse troppo

Dopo tanti ritardi e rinvii nella fornitura dei suoi processori più ambiti, Intel finalmente presenta e commercializza in questi giorni il Pentium IV che farà guadagnare il 25% in velocità ai nostri PC. Peccato che manchino le schede madri per supportarlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-11-2000]

Viene proprio da chiedersi se quelli della Intel fanno apposta o stanno prendendo in giro milioni di utenti. Dopo aver annunciato ritardi nella commercializzazione del nuovo Pentium IV, finalmente il processore è stato presentato con un certo anticipo su quanto vi avevamo preannunciato circa un mese fa, e reso disponibile sul mercato. Purtroppo però non esistono ancora le schede madri adatte a supportarne le caratteristiche, per cui chi lo acquistasse si ritroverebbe con un prodotto inutilizzabile. Bisognerà attendere almeno fino al 20 Novembre prima che vengano rilasciate anche le adeguate schede di supporto.

Da quella data in poi potremo apprezzare tutte le nuove caratteristiche del nuovo gioiello di casa Intel che promette performance del 25% superiori a quelle del suo predecessore Pentium III. In particolare Intel garantisce una maggiore velocità nel downloading di file Mp3 e nell'esecuzione di giochi online come il famoso Quake Arena. Comunque sia Intel ancora una volta ha sbagliato il time to market, questa volta per la troppa fretta, o almeno così pare. Che non si tratti invece di una piccola vendetta dei produttori di PC per i danni subiti dai ritardi di fornitura di Intel?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2479 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 ottobre


web metrics