Violato il sito Trenitalia.it

Ignoti imbrattano con messaggi filopalestinesi una sottopagina del popolarissimo sito ferroviario.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2005]

binario storto

Una pagina del sito Trenitalia risulta imbrattata da una scritta apparentemente filopalestinese (che Zeus News non riporta per non regalare pubblicità ai vandali, ma che è stata salvata ed è a disposizione per eventuali indagini). La prima segnalazione del defacement pervenuta in redazione risale alle 20 circa del 31 gennaio.

Stando alla cache di Google, prima dell'imbrattamento la pagina conteneva gare, bandi e offerte di lavoro del gruppo Trenitalia. L'alterazione è stata segnalata proprio da un frequentatore di questa sezione di offerte.

Non è chiaro il motivo di un attacco così inconsueto: solitamente la strategia dei vandali è colpire le pagine più viste dei siti. Deturpare una sottopagina fra le tante, come in questo caso, non è un modo molto efficiente di farsi pubblicità. Anzi, c'è il rischio che un attacco di questo genere venga interpretato come un segno di scarsa capacità dell'aggressore, che si deve accontentare di sporcare una paginetta qualsiasi perché non è riuscito a mettere meglio in vista i propri deliri.

Visto il malcontento ferroviario di questi giorni, alcune fonti hanno azzardato una matrice italiana per il defacement. Tuttavia la presenza della specificazione dir="ltr" nell'HTML della pagina alterata sembra smentire quest'ipotesi. E' infatti molto improbabile che a un italiano (o a un europeo medio) venga in mente la necessità di specificare la direzione in cui deve essere scritto il testo. Necessità che invece si pone spesso per chi è abituato a pensare e lavorare con lingue non europee.

Quali che siano le motivazioni, chiaramente qualcuno a Trenitalia non sta facendo bene il proprio dovere. Il defacement è attivo, al momento in cui viene scritto questo articolo, già da almeno quattro ore.

C'è di peggio. Secondo Netcraft, il sito deturpato usa Windows NT e Internet Information Server 4.0. Un bersaglio relativamente facile, insomma. Inoltre i dati di Netcraft suggeriscono una possibile ragione per la quale l'attacco non ha raggiunto pagine più significative: Trenitalia.it (che è un server fisicamente distinto da www.gare.trenitalia.it) usa Linux/AIX e Apache. Questo sembra avvalorare l'ipotesi di un gruppo di lamer più che di un'aggressione informatica professionale.

Ringrazio andrea78 per la rapida segnalazione e Rodri per le verifiche tecniche. Il responsabile di Trenitalia.it indicato nei dati di whois è stato avvisato via e-mail da Zeus News prima della pubblicazione di questo articolo, senza tuttavia ottenere risposta.

Aggiornamento, 1 febbraio ore 10:20. Il defacement è ancora presente, nessuno in Trenitalia pare aver preso provvedimenti.

Aggiornamento, 1 febbraio ore 10:45. Il defacement è stato inizialmente sostituito dal laconico messaggio di sistema "The system cannot find the file specified" e poi è stata ripristinata la pagina originale. Ci sono volute quindi quattordici ore per accorgersi del problema e prendere i primi provvedimenti. Complimenti vivissimi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Massimo
Tutto quadra Leggi tutto
2-2-2005 09:37

Alessandro
Per uno come il sottoscritto che prende quotidianamente il treno e riesce SEMPRE ad arrivare in ritardo, che spende soldi per un servizio fatiscente, che ha schifo a sedersi sui sedili che puntualmente vengono sporcati, qualunque cosa facciano a TRENITALIA è soltanto un piacere!La loro imbecillità nel ritardo per sistemare la... Leggi tutto
1-2-2005 19:46

DarkkSide
Crackers, fatica sprecata Leggi tutto
1-2-2005 14:16

marco
stessa velocità dei treni Leggi tutto
1-2-2005 13:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics