La GdF "garantisce" la bufala di Rachel Arlington

Una bufala che circola da cinque anni riprende vigore grazie a un involontario garante autorevole.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-03-2005]

L'appello ritorna alla ribalta garantito da una

"Salve, sono un padre di 29 anni" dice l'appello di George Arlington, che chiede aiuto per la sua bimba Rachele, malata di leucemia. George non ha i soldi per operarla. Ma "AOL e ZDNet hanno acconsentito... ogni persona che aprirà questa e-mail e la invierà ad altre 3 persone ci donerà 32 centesimi".

Si tratta di una classica bufala, documentata da tempo, che circola su Internet dal 2000 facendo leva sul buon cuore della gente. Dopo un lungo periodo di quiete, ritorna alla ribalta perché ora circola freneticamente in una nuova versione "garantita" da una "firma" che non passa inosservata: quella di un maresciallo della Guardia di Finanza di Roma.

La "firma" del maresciallo M.B. include sia un indirizzo di e-mail, sia un numero di telefono, entrambi effettivamente appartenenti alla GdF. Messa in cima all'appello, gli conferisce un'aria irresistibilmente autorevole, ma quest'apparente "garanzia" non cambia il fatto che si tratta di una bufala. Non esiste alcun George Arlington, né alcuna Rachele o Rachel che AOL e ZDnet sponsorizzerebbero in una squallida lotteria della morte. Le due società citate hanno più volte smentito ogni legame con questa storia.

La GdF, contattata telefonicamente da Zeus News, ha dichiarato che è consapevole che si tratta di "un falso" e che è stata già sporta denuncia. Il maresciallo in questione è in ferie e in questo momento non è disponibile per rilasciare dichiarazioni, e l'indirizzo di e-mail della GdF citato nell'appello è stato disattivato. E' quindi inutile telefonare o mandare e-mail al maresciallo chiedendo conferme.

Non è stato possibile chiarire come mai è stata sporta denuncia: anzi, non sembra esservene alcuna giustificazione. Infatti i lettori avvezzi a districarsi fra le bufale avranno intuito che dietro alla comparsa del maresciallo "garante" nell'appello di George Arlington c'è con tutta probabilità un comunissimo errore di comportamento.

Il maresciallo avrebbe insomma ricevuto l'appello da qualche conoscente e l'avrebbe inoltrato dal proprio luogo di lavoro, senza considerare che il suo programma di e-mail avrebbe aggiunto automaticamente al messaggio le sue coordinate personali (la signature), come avviene normalmente, e che queste coordinate sarebbero state poi interpretate come attestazione di garanzia.

E' un copione già visto: questo stesso appello, infatti, circola tuttora "garantito" da una dipendente dell'Istituto Superiore di Sanità e da un ricercatore del CNR. Tuttavia, in attesa di conoscere i dettagli, non è possibile escludere che qualcuno abbia combinato un dispetto al maresciallo M.B. e abbia "copiaincollato" abusivamente i suoi dati nell'appello.

I disagi causati dall'appello sono evidenti: il Comando Generale della Guardia di Finanza si troverà col telefono intasato di richieste di informazioni e di aiuto; la casella di posta del maresciallo è inservibile; e il maresciallo stesso sicuramente verrà perseguitato da questa storia per anni, come è successo ai suoi compagni di sventura.

In altre parole, il diffusissimo atteggiamento "male non fa, io nel dubbio inoltro" è assolutamente da evitare. Vale invece, come al solito, la raccomandazione troppo spesso ignorata: mai inoltrare gli appelli prima di averli verificati (basta una Googlata), e comunque non farlo mai dal luogo di lavoro per non diventarne "garanti" involontari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Circola ancora questa bufala Leggi tutto
6-5-2008 14:53

{cristiano}
l'ho ricevuta oggi Leggi tutto
22-2-2006 12:56

sofia
mozzrella di bufala! Leggi tutto
19-5-2005 22:29

mar
senza parole Leggi tutto
13-5-2005 09:13

SPOCK
La sprovvedutezza informatica italiana. Leggi tutto
29-4-2005 10:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5265 voti)
Aprile 2021
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 aprile


web metrics