Europa e zio Bill, luci e ombre

Dopo la mezza vittoria sui brevetti software, il signor Gates mastica amaro in Europa: respinta la licenza-fantoccio sull'interoperabilità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-03-2005]

Belle facce

La licenza per l'interoperabilità dei server proposta da Microsoft discrimina gli operatori open source e peraltro ha royalty esageratamente alte. Questo il parere della Commissione UE.

Con queste motivazioni è stata rigettata la proposta di Redmond alla Commissione Europea. La fonte è il commissario per la concorrenza UE antitrust, che ha dichiarato, sostiene ZDNet.co.uk di non considerare la licenza soddisfacente. Se Microsoft non porrà rimedio a questa situazione, potrebbe essere multata pesantemente dalla commissione.

Come scritto su Zeus News, "nel marzo 2004 l'UE aveva multato la Microsoft per quasi 500 milioni euro, e le aveva imposto, tra le altre cose, di mettere a disposizione tutte le informazioni per realizzare l'interoperabilità di Windows con i sistemi operativi dei concorrenti." Le informazioni, secondo la UE, avrebbero dovuto essere concesse in "termini ragionevoli e non discriminatori".

La proposta da Microsoft, la WSPP Development Agreement, era una licenza di utilizzo della documentazione tecnica, per la quale sono richiesti il pagamento di royalty e la chiusura del sorgente prodotto con le informazioni derivanti da tale documentazione.

All'epoca della sua presentazione, lo scorso gennaio, vari sostenitori del software libero avevano denunciato che tale licenza escludeva deliberatamente Samba e tutto il software GNU/GPL. La Free Software Foundation Europe ha fatto pressioni sull'UE per respingere la proposta della Microsoft, e il risultato pare raggiunto.

"Alla luce dei risultati dei test di mercato, la Commissione ha forti dubbi sull'efficacia dell'interoperabilità così come è stata proposta da Microsoft," ha detto un portavoce della commissione. "Ora la società ha l'opportunità di tornare qui per la sua controproposta, e se non ne saremo soddisfatti, potremo applicare una sanzione pari al 5% del loro fatturato per ogni giorno di non conformità (anche se speriamo ovviamente che ciò non accada)."

Calcolatrice alla mano, nell'anno preso a riferimento dalla commissione, la casa di Redmond ha conseguito ricavi per 27,5 miliardi di euro, l'equivalente di un'ottantina di milioni (di euro) al giorno. La multa rischia di diventare pesante anche per le munifiche tasche di zio Bill.

La commissione ha giudicato la licenza WSPPDA insoddisfacente per quattro motivi, tra cui l'importo dei diritti richiesti. Jeremy Allison, cofondatore di Samba, aveva evidenziato il "mostruoso" ammontare delle royalty, difficilmente avvicinabili anche da programmi commerciali. Ma tra i motivi della decisione c'è la non compatibilità della WSPPDA con il software Open Source.

Problemi sono stati sollevati anche per la scarsa flessibilità della licenza di zio Bill, che a parere della UE è un blocco monolitico (del tipo prendere o lasciare). Ma anche la scarsa trasparenza è stata contestata: "È molto difficile per i beneficiari potenziali delle informazioni, avere accesso alla documentazione tecnica necessaria per valutare se vale la pena sottoscrivere la licenza," ha detto il portavoce.

Da parte sua, Redmond spera di risolvere velocemente le questioni sollevate. Nessun ulteriore commento da quella sponda. Carlo Piana, legale di FSFE, si è detto invece soddisfatto delle decisioni UE: "La Commissione ha accolto le nostre richieste e ha dimostrato che le nostre critiche erano fondate".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Amedeo
Libero soprattutto di scegliere Leggi tutto
22-3-2005 18:51

pf
pubblicità martellante Leggi tutto
21-3-2005 16:44

Studi indipendenti?? Leggi tutto
21-3-2005 14:22

Ash y Nod
Mi sembra che Fabio abbia mancato per intero il senso dell'articolo,sembra che ne stia commentando un altro.In quest'articolo si parla del fatto che l'UE sta chiedendo a Microsoft di rendere far in modo che le sue applicazioni(programmi) siano in grado di scambiare dati con gli altri,siano questi ultimi Open Source o no.Ora... Leggi tutto
20-3-2005 14:27

Fabio
SW libero ??? Sempre piu una stronzata Leggi tutto
20-3-2005 01:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1898 voti)
Luglio 2020
Copia sigillata di Super Mario Bros. va all'asta per una cifra da record
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics