Quinto Stato cessa le pubblicazioni on line

La webzine chiude, ma il suo fondatore apre un blog sul rapporto tra politica, società e Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2005]

Quinto Stato, la webzine fondata da uno dei maggiori esperti italiani di sociologia della Rete Carlo Formenti e da due protagonisti dell'avventura di Clarence come Stefano Porro e Igino Domanin, è stato per più di due anni e mezzo un punto di riferimento importante, in Italia, per quanti guardano a Internet come un grande fatto di innovazione e l'occasione per costruire una società più libera e solidale e non solo come a un fatto di business.

Ora questa webzine è costretta a sospendere le pubblicazioni, dopo un periodo di aggiornamento a singhiozzi e il disimpegno di una parte del gruppo fondatore. Carlo Formenti nell'editoriale di addio dei lettori spiega molto sinceramente che anche il progetto di rilanciare Quinto Stato si è infranto nelle difficoltà economiche di mantenere un minimo di redazione professionale che potesse aggiornare il sito con continuità.

In questi anni Quinto Stato è stata protagonista di battaglie per la libertà della Rete come quella contro il decreto cosidetto "del Grande Fratello" sulla raccolta dei dati del traffico su Internet dei privati cittadini, contro il decreto Urbani e di riflessione su quale new economy e quale ruolo politico e sociale possano avere i nuovi lavoratori della conoscenza, informatici e operatori del Web ma non solo, spesso sfruttati e precari.

Carlo Formenti continua il dialogo con i lettori con il suo nuovo blog Effetto Albemuth, ospitato dal sito di Pazlab, associazione di neolaureati del corso di Scienze della Comunicazione dell'Università di Lecce in cui è docente.

Anche Francesco Mollo, uno dei redattori di Quinto Stato continuerà il dialogo con i lettori sui temi dell'innovazione politica e sociale della Rete su un suo blog appena messo on line.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3954 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics