La videocamera in chiesa

Per la prima volta in Italia viene installata in una chiesa una videocamera: Dio o Grande Fratello?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2005]

In una piccola chiesa parrocchiale del comasco il parroco ha deciso di installare all'interno una videocamera a scopo preventivo; negli ultimi tempi si sono susseguiti i furti dalla cassetta delle elemosina e la chiesa contiene opere d'arte a rischio ladri. Si tratterebbe della prima volta in Italia che in un edificio di culto, in particolare in una chiesa cattolica, viene installata una videocamera permanente, mentre siamo abituati a vedere videocamere riprendere matrimoni e cresime o a trasmettere la S. Messa alla Tv.

In chiesa finora la videocamera non aveva fatto il suo ingresso. Pensiamo alla vita di un lavoratore pendolare che la mattina si reca in una grande città: sappiamo che tutta la sua giornata è ormai ripresa. Su molti treni locali esiste un sistema di videocamere contro il vandalismo, nelle stazioni un ampio sistema di videoregistrazione lo accompagna dalla discesa dal treno fino all'uscita dalla stazione e poi quando scende nella metropolitana. Accompagnato per lunghi tratti delle vie del centro dalle stesse videocamere che lo ritraggono mentre entra al lavoro in uno dei tanti edifici, quando va in banca, alla posta, alla Rinascente, al supermercato per comprare qualcosa.

Anche il bambino del viaggiatore verrà filmato mentre entra a scuola o all'asilo, perché ormai quasi tutti gli edifici scolastici hanno un sistema di videoregistrazione all'esterno e, in alcuni casi, anche all'interno. D'altra parte se, invece, di recarsi al lavoro fosse stata domenica e si fosse recato allo stadio ad assistere a una partita o in un museo non sarebbe sfuggito all'occhio delle videocamere, che spesso ci accompagnano anche nelle piscine (come nelle spiagge).

La chiesa rimaneva un ambito ancora non profanato dalle videocamere, dove oltretutto l'uso del denaro è ancora sempre in contanti per piccole offerte e quindi non lascia traccia di bancomat o carte di credito; anzi, qualche prete più high-tech non soddisfatto dagli inviti a non utilizzare il cellulare ha fatto schermare l'aula della chiesa dalle intrusioni dei telefonini.

Con questa scelta del parroco di campagna, forse troppo esasperato dai continui furti, si pongono problemi nuovi: innanzitutto legali, che il nuovo Garante della Privacy (il cattolicissimo Franco Pizzetti) dovrà risolvere. L'esercizio del culto appartiene di per sé alla sfera delle libertà personali e dei dati sensibili, libertà religiosa e appartenenza religiosa.

Filmare una persona che entra in chiesa è già una forte invasione della sua privacy: potrebbe essere una persona che, per tante ragioni, non vuole o non può farlo sapere. Poi si filma anche quanto uno prega, quanto è raccolto, se è distratto, guarda in giro o sbadiglia, si confessa o accende le candele.

Il Garante può dettare delle regole oppure vale un princio di "extraterritorialità" della Chiesa, che la pone fuori dalla normativa della privacy? Non è stato così quando il Garante ha ammesso il diritto allo "sbattezzo", cioè la possibilità che uno chieda alla parrocchia dove è stato registrato il suo battesimo, non la cancellazione di un fatto storicamente avvenuto ma di registrare la sua uscita e il suo abbandono della Chiesa per protesta o sopravvenuto ateismo o conversione ad altra religione.

In questo caso il Garante potrà disporre che i fedeli siano avvisati con cartelli, che ci sia un responsabile o la Cei gli negherà questo diritto. E la Cei cosa ne pensa? Ci sarà, prima o poi, una normativa interna, magari della Congregazione vaticana del Culto, su questa materia?

Il vero problema è però teologico. In fondo la religione cristiana si basa tutta sul rispetto dell'interiorità: Gesù contesta il Tempio, ammonisce i farisei che si fanno vedere ai primi posti nelle sinagoghe, invita a chiudersi nella propria stanza per pregare, senza esibizionismi; lui stesso si ritira nel deserto da solo e, prima di morire, prega da solo nell'Orto degli Ulivi.

Siamo abituati troppo a tante manifestazioni ecclesial-televisive in Eurovisione da esserci dimenticati di questa dimensione "riservata" del cristianesimo. L'uomo in Chiesa dovrebbe sentire su di sé solo lo sguardo di Dio, che per il credente lo segue ovunque, che solo è importante e che solo lo può vedere realmente e amorevolmente. Pensare che anche in chiesa lo sguardo di Dio è stato sostituito dall'occhio elettronico del Grande Fratello non è una gradevole novità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

:malol: :malol: :malol:
15-12-2013 14:32

Questo considerevole dilemma fa sorgere un enorme problema di rilevanza ancor pi¨ ingente: io ho installato una videocamera sul comignolo per beccare Babbo Natale mentre s'intrufola per consegnare i regali. Trovandosi nell'esercizio delle sue funzioni ma non essendo un pubblico funzionario star˛ violando la sua privacy? Ho chiesto lumi... Leggi tutto
14-12-2013 12:01

.Antonio.
Solo una curiositÓ, perchŔ leggendo l'articolo si parla di una parrocchia nel comasco, mentre so di una nel lecchese (che per uno della zona, fa la differenza....) in funzione giÓ da qualche anno: nel qual caso, quella citata sarebbe almeno la seconda. Potrebbe farmi questa precisazione? Grazie. Saluti e buon lavoro.
12-12-2013 11:15

Il Giudizio di Don Silvio Leggi tutto
16-11-2005 12:45

Beh una volta trovavi qualche parocchiano il prete che ti rinfacciava "Senti, Ŕ da un po' che non ti vedo in chiesa" (GRAAANDE COLPA ovviamente) e tu riuscivi a svincolarti con un "ma sai, mi metto dietro in disparete" ora invece non si potrÓ pi¨ "bigiare" visto che la registrazione sarÓ la prova se ci sei o no a messa. Comunque alla... Leggi tutto
14-11-2005 15:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ lo strumento di informazione di cui ti avvali di pi¨?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3012 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics