Il sito degli orrori in Iraq

La storia fotografica del sito a cui centinaia di marine Usa hanno inviato foto degli orrori, in cambio di materiale porno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2006]

iraq

"FucKed Up" è un'espressione americana che indica tutto ciò che è strafatto, eccessivo, completamente marcio, incasinato, come quando uno beve fino a svenire, oppure quando una macchina viene distrutta in un incidente: si dice che è "fucked up". Quando un diciassettene bianco dell'Arkansas trova su Internet il filmato di una ragazza di colore che pratica la fellatio al suo fidanzato è facile che esclami "fucked up".

Un sito, con i server nella tollerante Olanda, che permette di scambiare e scaricare materiale erotico prodotto da amatori, cioè da uomini che si sono lasciati con la propria compagna e sono pronti a scambiare le foto e i video girati magari con il cellulare, ha scelto di chiamarsi Nowthatsfuckedup. Fin qui niente di particolarmente strano: se vuoi scaricare materiale porno deve iscriverti e pagare 10 o 20 dollari oppure devi inviare il tuo materiale "domestico" che sarà valutato da una giuria e a cui sarà dato un certo valore di scambio.

Le cose sono cambiate quando Christopher Wilson, fondatore del sito, nel 2004 ha invitato soldati e soldatesse Usa presenti in Iraq e Afghanistan ad avere accesso libero e gratuito al sito a patto di inviare non foto erotico-pornografiche, ma immagini della loro vita di combattenti in Iraq.

Per questo oggi su Christopher Wilson pendono trecento capi di accusa per un migliaio di foto pubblicate sul sito: sono immagini di soldatesse nude che si fanno fotografare con le granate sul seno, o coperte solo da un mitragliatore, marine che fanno la pipì; ma soprattutto sono foto di corpi dilaniati da una bomba, carbonizzati da un incendio, corpi prigionieri, villaggi distrutti, iracheni inquadrati nel mirino di un fucile un attimo prima di morire, cadaveri denudati per sfregio, teste decapitate e fatte esplodere. A questa vicenda squallida i maggiori organi di informazione americana della carta stampata e della Tv non hanno dedicato molto spazio.

Per questo nasce il libro di Gianluigi Ricuperati, con una bella introduzione del giornalista di Repubblica Marco Belpoliti, dal titolo "Fucked Up" e dal sottotitolo: "Ecco la Guerra in Iraq e Afghanistan. Orrore, sopraffazione e idiozia quotidiana, Le foto e i commenti dei soldati". E' un tascabile economico, ricco di documentazione fotografica, una testimonianza che non doveva mancare, più eloquente di quella "banalità del male", per utilizzare questa abusata definizione della Arendt, di mille discorsi sulla guerra, sulla sua legittimità, validità, oppurtunità, o peggio sacralità.

Il libro sembra dirci che la vera pornografia è la guerra, che in questo caso si congiunge e si mescola alla pornografia tradizionale e più scontata. Il potere che queste foto in Rete hanno avuto di attizzare l'odio e il desiderio di vendetta nei confronti dell'Occidente cristiano, nei mussulmani, è superiore sicuramente a quello di cento vignette satiriche.

Scheda
Titolo: Fucked Up
Sottotitolo: La guerra in Iraq, le foto e i commenti dei soldati
Autore: Gianluigi Ricuperati
Editore: BUR Rizzoli
Prezzo: 8,60 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

{Ferdinando Bisdarzi}
l'hanno chiuso Leggi tutto
31-5-2006 17:13

La cosa pi¨ ripugnante sono i commenti... Leggi tutto
8-3-2006 11:00

{utente anonimo}
Quando vedo questo genere di notizie, Leggi tutto
8-3-2006 07:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spendi di elettricitÓ ogni mese?
Meno di 30 euro
Tra 30 e 50 euro
Tra 50 e 75 euro
Tra 75 e 100 euro
Tra 100 e 150 euro
Pi¨ di 150 euro

Mostra i risultati (2624 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics