La MPAA accusata di pirateria

La Motion Pictures Association of America, spietata nella propria battaglia contro la pirateria, è stata accusata di aver assunto un hacker per rubare informazioni da un sito torrent.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-05-2006]

Foto di Omar Z
Foto di Omar Z

Torrentspy.com è un motore di ricerca per file torrent: nessuno dei file che permette di rintracciare risiede sui suoi server. Ma questo alla MPAA non interessa, tanto che a suo tempo ne citò in giudizio i gestori per pirateria.

Stando però all'atto d'accusa presentato ora da Torrentspy, disponibile in Pdf, la MPAA si sarebbe rivolta a un pirata informatico per ottenere informazioni riservate e molti altri dati.

L'hacker in questione (i puristi direbbero "cracker", anche se così sembra di parlare di biscotti) sarebbe stato pagato 15.000 dollari e la MPAA si sarebbe detta soddisfatta del lavoro fatto. Il mercenario telematico le avrebbe consegnato: un foglio di calcolo di Excel contenente entrate e uscite di Torrentspy da Gennaio a Giugno 2005; email private degli impiegati insieme a dati sensibili appartenenti agli stessi; informazioni dettagliate sui server della compagnia.

Compiuto il proprio lavoro, l'informatore si sarebbe poi "pentito" e avrebbe informato di quanto avvenuto Torrentspy stessa, che è così passata al contrattacco.

La MPAA, naturalmente, ha negato tutto per bocca di uno dei propri vicepresidenti: Kori Bernards sostiene che Torrentspy avrebbe sollevato questo polverone "per nascondere il fatto che stanno facilitando il furto", e afferma che "la legge è dalla nostra parte".

Il legale di Torrentspy, Ira Rothken, dice invece di avere "prove significative della malefatta e del coinvolgimento della MPAA. Pensiamo che sia ironico per la MPAA proclamare che stanno proteggendo i diritti degli studi cinematografici e poi andarsene a copiare illegalmente le proprietà altrui".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{utente anonimo}
prove sottratte illegalmente non hanno alcun valore Leggi tutto
26-5-2006 11:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (532 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics