Belle con il trucco... che non si scioglie

Un piccolo cofanetto refrigerante per conservare creme e make up a una temperatura e un tasso di umidità ottimale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2006]

Il Cosmetic Cooler nella versione basic

Ogni anno, all'arrivo del caldo torrido estivo, si ripete il medesimo copione. Proviamo a passare sulle labbra il costosissimo rossetto di una delle marche più esclusive che abbiamo comprato, indebitandoci fino al 2050, e la pasta nella nuance preferita si rompe, sciolta da un caldo insopportabile, rendendo inutilizzabile il prodotto di make up che ci fa sentire delle vere star.

Restiamo attonite a fissare nello specchio il nostro volto imbrattato di colore, indecise tra il pianto isterico e l'attacco di rabbia omicida.

Ecco allora che il frigorifero di casa si riempie di ogni sorta di ritrovato dell'industria cosmetica: creme per il décolleté, creme per il viso, fluidi leviganti, maschere rilassanti, esfolianti, purificanti, idratanti, rossetti e ombretti di ogni colore, neanche fossimo nello studio di qualche pittore.

Immancabilmente il maschio di casa, avendo già scarsa familiarità con il frigorifero (elettrodomestico che, nella sua immaginazione, si riempie da solo di ogni genere di cibo non appena inizia a scarseggiare), dinanzi a uno o due scaffali di vasetti colorati di ogni foggia, entra in crisi, indeciso tra l'assaggiare queste sicure prelibatezze di cui non ha ancora visto la pubblicità alla televisione, oppure il gettare via tutto per fare largo alle sue bottiglie di birra, unico genere per il quale si scomoda a entrare in un supermercato.

Hanno origine così alcune tra le liti più furibonde delle estati di tutto il globo; l'uomo in qualche modo manomette i preziosissimi prodotti di make up e la donna diviene preda di una crisi isterica con i fiocchi.

Non si può certo dire che gli uomini abbiano torto quando, una volta scoperta la vera natura di ciò che hanno appena ingerito o gettato via, urlano che il frigorifero non è il posto adatto per i trucchi. Che fare allora?

Sui siti internazionali dedicati al make up da circa un mese viene proposto il Cosmetic Cooler, ovvero un refrigerante per cosmetici femminili (e non solo) che garantisce una temperatura ottimale per la corretta conservazione dei cosmetici, ma anche un giusto tasso di umidità, per prevenire alterazioni delle proprietà dermatologiche delle creme, evitando inoltre la formazione di batteri.

Inventato dai cinesi, che detengono il monopolio del prodotto, è disponibile in svariate fogge: da quella più minimal, in plastica color rosso o bianco, a quella classica, in legno con specchio, a quella retrò, sempre in legno, che ricorda i vecchi portagioie delle nostre nonne. Si alimenta con normali pile stilo e può essere trasportato con discrezione ovunque, in vacanza come a casa.

I modelli in vendita hanno un prezzo variabile dai 225 dollari del modello base ai 405 dollari del modello retrò.

Sicuramente è un oggetto con un prezzo non accessibilissimo; ma quanto vi è costata, soprattutto in termini di salute, l'ultima litigata estiva con relativa lavanda gastrica per l'utilizzo del frigorifero di casa?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
MIT: cosmetici e creme solari possono danneggiare il DNA

Commenti all'articolo (1)

{Vedasharma}
'sti Cinesi, però! Leggi tutto
24-11-2006 17:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1228 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics