Il meeting dei net-dipendenti, email addicted e workaholic

La community degli "always on" si dà appuntamento per ritrovare l'equilibrio tra produttività e qualità della vita, dimenticando la casella di posta elettronica o Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2007]

Foto di Daniel Cruz

Sono sempre di più gli utenti che confessano che non riescono a stare lontano dalla propria casella email più di dieci minuti e che non riescono a cenare romanticamente senza monitorare costantemente il telefonino o lo smartphone rigorosamente poggiato sul tavolo. Una realtà ormai inopinabile, con tutto ciò che ne consegue.

Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie e alla promessa della banda larga, la parola d'ordine di questi tempi è mobilità. Una realtà che, per fortuna, non è solo email addiction.

Il dinamismo del mercato del lavoro, come sempre accade in questi casi, ha i suoi apocalittici e i suoi integrati. L'idea di Marsha Egan è ormai famosa: l'attaccamento morboso alla propria casella di posta elettronica va combattuto, perché deleterio per l'individuo e per la produttività dell'azienda.

Un programma di 12 punti per i Net-dipendenti: si va dalla presa di coscienza della dipendenza, all'impegno di tenere vuota la propria casella di posta in arrivo, alla gestione immediata di email cui può essere data rapida risposta, al tentativo di ridurre la mole di posta in entrata. Il risultato dovrebbe essere la celebrazione di un nuovo approccio alla posta elettronica.

L'equilibrio nella work-life ha effetti notevoli sulla qualità della vita e l'eventuale disequilibrio porta inevitabilmente a una diminuzione della produttività lavorativa. Ma il 70% dei lavoratori mobili vede nella possibilità di accedere alla propria email sempre e comunque senza fili e ovunque uno strumento di maggiore libertà.

Ad affermarlo è una ricerca dell'Istituto Ronin Corporation di Princeton, che verrà presentata da Maurizio Ganzerli nell'ambito di Mobile Force&Office Forum 2007, il 22 e 23 maggio a Milano.

La community degli always on si dà per la prima volta appuntamento al Crowne Plaza di San Donato Milanese. Si incontreranno Apocalittici e Integrati, Aziende Utilizzatrici e Utilizzatori, email addicted e programmi di sopravvivenza alla net dependency.

L'evento è patrocinato dal Forum della NetEconomy, istituito da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Milano, vede come protagonista: la nuova specie umana degli always on, le loro giornate scandite dal tempo internet, il concetto di lavoro senza soluzione di continuità, i pro e i contro. E proposte concrete per il raggiungimento del work-life bilance, insieme alla scoperta delle più efficaci soluzioni di business mobility.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Approfondimenti
L'app per smettere di usare lo smartphone

Commenti all'articolo (1)

{Ludovico MassimoLancell}
Sono un analista privato di politica internazionale. Giornalemente passo almeno 8 ore al lap top. 'lavoro' su una poltrona con poggiapiedi e con il lap top sulle ginocchia. Accanto una libreria e vari scomparti, di fronte due video per la borsa e per la tv. Quando supero il limite di sopportazione, me ne vado nella casetta al mare, 28... Leggi tutto
22-5-2007 07:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5268 voti)
Maggio 2021
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 13 maggio


web metrics