Sequestrato il blog di Piero Ricca

Chiuso il blog del contestatore di Emilio Fede in seguito a una causa di diffamazione, ma si possono ancora leggere i testi e inserire commenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-07-2007]

Il blog di Piero Ricca è stato oscurato ieri pomeriggio dalla Guardia di Finanza.

La causa scatenante sarebbe un episodio risalente a qualche mese fa, quando Piero Ricca ebbe con Emilio Fede un acceso scambio d'opinioni, culminato in insulti e anche uno sputo da parte del direttore del Tg4. Di tale episodio si è parlato sul blog di Ricca e in seguito sarebbero partite le querele, con la chiusura del blog e la rimozione del post incriminato.

Contrariamente al solito, le Forze dell'Ordine in questo caso hanno optato per non oscurare il blog, impedendo però a Ricca di continuare a gestirlo, facendosi consegnare la password di amministrazione dalla società di gestione del blog e modificandola.

E' però ancora possibile commentare. Lo stesso Piero Ricca ha inserito un ommento esplicativo della vicenda:
CARI AMICI, NON POSSO AGGIORNARE IL BLOG. Mi è stato chiuso con atto della procura di Roma, un "sequestro preventivo" notificatomi alle 14,00 di oggi (ieri, n.d.r.) da due agenti della guardia di finanza del "nucleo speciale contro le frodi telematiche", venuti da Roma.

Il sequestro proviene da una querela per diffamazione presentta da Emilio Fede nei miei confronti per la famosa contestazione al circolo della stampa. Con il medesimo provedimento hanno cancellato un mio post relativo alla vicenda Fede e i commenti in calce. Non hanno potuto, per motivi tecnici, togliere il video da YouTube.

Naturalmente farò immediata richiesta di disequestro. Intanto posso solo scrivere queste righe in questa sede. Fra poco manderò un comunicato ai siti amici, e vi chiedo fin d'ora di farlo girare.

Con Fede ce la vedremo in tribunale, magari davanti a uno dei magistrati diffamati e spiati negli anni del governo del suo datore di lavoro.

E continueremo a criticare lui e i suoi simili sulla pubblica piazza, in nuove manifestazioni di dissenso.

Nessuno riuscirà a sequestrare la libertà di espressione, mia e degli amici di Qui Milano Libera e del blog: questo è certo.

Grazie a tutti. A presto, Piero


Piero Ricca in home page su Repubblica.it, qualche mese fa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

{Giambattista}
Andate al mare. Leggi tutto
21-7-2007 17:47

Che capelli Leggi tutto
20-7-2007 09:21

cioè sono le 4 di notte, leggo una interessante e stilisticamente piacevole considerazione di Silent, e poi sotto ci trovo un commento come quello di Tino. Vado a letto si vado a letto, si si, vado a letto. 'Notte
20-7-2007 04:10

{Tino}
che barba Leggi tutto
19-7-2007 23:28

Episodio veramente curioso: Suona stridente che in sì potente signore nell'informazione muova addirittura la Guardia di Finanza per impedire altre diffamazioni a suo nocumento. Certo è che la legge è legge e le sue interpretazioni sono come le ramificazioni dei mistici medievali. Ma che possiamo farci se non continuare a sorridere ed... Leggi tutto
14-7-2007 10:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1552 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics