Samsung spinge sull'ultramobile Pc

L'azienda coreana ha presentato Q1 Ultra, l'evoluzione del modello del 2006.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-10-2007]

q1

In casa Samsung ci si prepara alle vendite autunnali-natalizie con una nuova serie di notebook, ciascuno posizionato in un punto differente dell'asse mobilità - prestazioni. Il modello di punta per quanto riguarda la mobilità è Q1 Ultra, evoluzione del Q1 presentato lo scorso anno.

Q1 Ultra è infatti un tablet Pc che pesa solo 690 grammi; la memoria è di 1 Gbyte, di tipo Ddr 2 a 400 MHz; il display touchscreen Lcd può visualizzare una risoluzione di 1024x600 (Wsvga), con diagonale di 7".

A governare il tutto è un processore Intel A110, sviluppato appositamente per i dispositivi ultraportatili. La memoria di massa è costituita da un hard disk da 60 Gbyte in formato 1,8".

Il dispositivo è dotato di connettività Wi-Fi (standard 802.11b e g), nonché di Bluetooth e di connettore Rj45 per la connessione a una Lan. Presenti anche due porte Usb 2.0, una porta Vga e un lettore di schede di memoria Sd e Mmc.

A novembre dovrebbe vedere la luce anche il modello con Hsdpa: semplicemente inserendo la Sim nell'apposito alloggiamento si potrà collegarsi a Internet ad alta velocità.

Ai lati del display campeggia il tastierino Qwerty, sdoppiato in due parti, con cinque tasti programmabili e tasti Menu, nonché un joystick che simula la presenza di un mouse.

E' presente una doppia webcam: una frontale, per applicazioni di videoconferenza, da 0,3 megapixel; l'altra è posizionata sul retro e ha un sensore da 1,3 megapixel.

Il sistema operativo è Windows Xp Professional: saggiamente i coreani di Samsung hanno evitato di sovraccaricare Q1 con Vista, anche se ne dichiarano la compatibilità.

Il prezzo suggerito al pubblico parte da 1.100 euro, comprensivi di Iva. Il modello con Hsdpa, secondo quanto dichiarato da un portavoce dell'azienda, dovrebbe costare 1.299 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Commenti all'articolo (1)

{cheimporta}
è una radio, ma guardate l'iRiver B20 !
3-10-2007 16:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2247 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics