Babbo Natale presto viaggerà esclusivamente sul web

Abbandonata la tradizionale "letterina" per chiedere i doni e lasciata in rimessa la tradizionale slitta per le consegna, i doni adesso si chiedono e si consegnano tramite Internet, possibilmente tramite il PC aziendale; ma BSA non è d'accordo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2007]

Ho ho ho! Quest'anno leggo la posta con lo smartph

Secondo la Business Software Alliance emergerebbe da una ricerca affidata alla Research & Technology Strategies che circa un terzo dei dipendenti italiani - del resto in linea con i colleghi dell'Unione Europea - si affiderebbe ai server aziendali per effettuare gli acquisti natalizi online, oltre che per prenotare vacanze, chattare e corrispondere tramite email e via dicendo.

La circostanza che la percentuale, sempre secondo la BSA, sia anche maggiore negli States non stupisce affatto, dato il digital divide che ci separa; sorprende invece che il dato globale emerso dalla ricerca formi oggetto di notizia in sé, snobbando o volutamente abbandonando le premesse e le conclusioni della ricerca.

Di queste ultime in verità non ci sarebbe nolto da dire, se non puntualizzando ancora una volta l'insufficienza delle policy aziendali e della ancor maggiore scarsa divulgazione ai collaboratori, spesso lasciati nell'incertezza circa la normativa interna e legislativa; salvo poi a ricorrere ad avvocati e magistrati per comminare castighi esemplari al dipendente scomodo o anche solo non proprio in linea con le esigenze padronali.

Il "rischio sicurezza" viene infatti quasi completamente disatteso sia dall'azienda che dal dipendente, al quale non viene neppure impedito di installare altro software - di provenienza talvolta illegale - sul client di cui abbia la disponibilità per motivi di lavoro; salvo poi gridare al lupo al lupo! dopo un crash o una fuga di notizie dovuto a virus o altro malware, sempre che la comune leggerezza non comporti conseguenze civili e penali di maggiore gravità.

La cosa che invece è passata completamente sotto silenzio sono il modo e i mezzi con cui la BSA (e per essa la R&T) ha acquisito le informazioni oggetto dell'indagine; è un punto che certo varrebbe la pena di approfondire.

Infatti secondo quanto è sotteso dalle varie fonti d'informazione, se è vero che i dipendenti hanno effettuato i collegamenti durante l'orario lavorativo anche per scopi personali o per mero divertimento, sembrerebbe altrettanto vero che non siano mai stati informati che la loro attività era non occasionalmente sotto controllo e che i collegamenti erano tracciati e registrati.

Se l'ipotesi corrispondesse a verità, ci sarebbe spazio perché il Garante aprisse un'inchiesta per verificare se i controlli siano avvenuti o no nel rispetto delle regole; anche magari soltanto per sfatare la leggenda secondo cui chi pensa male fa peccato, però ci indovina.

Altra cosa poco edificante è che il sito della BSA inviti direttamente le aziende a verificare la regolarità del software mediante un kit di autoanalisi, consultando anche una guida Software Asset Management con l'invito a smascherare i "pirati" oppure su come "navigare in sicurezza".

Non si comprende bene se l'invito all'autoanalisi da effettuare presumibilimente senza l'intervento almeno del sindacato sia legale o no (ogni imprenditore dovrebbe ben sapere e verificare quale e quanto software gira sulle sue macchine e l'uso che se ne fa) o se sia un'affermazione del principio che "rubare ai ladri non è reato" oppure che "il fine giustifica i mezzi."

Ovviamente speriamo di no, e che si tratti soltanto di una caduta di stile da parte della BSA, che giustamente persegue i fini per cui è stata creata e gli interessi economici dei suoi associati; ma un poco di chiarezza a conclusione della vicenda probabilmente non guasterebbe e sarebbe anzi la benvenuta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (877 voti)
Ottobre 2020
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Tutti gli Arretrati


web metrics