Wikia è operativo

Da uno dei fondatori di Wikipedia nasce un motore di ricerca doppiamente aperto: codice open source e possibilità per gli utenti di votare i risultati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-01-2008]

Wikia Search logo

Il nome di Jimmy Wales forse non dice granché ai più, ma a lui vanno i ringraziamenti di moltissimi utenti di Internet a caccia di informazioni, nonché di chi crede nella condivisione delle informazioni. Wales è infatti uno dei fondatori di Wikipedia, e ora fa parlare di sé a causa di un nuovo progetto.

Questo progetto si chiama Wikia Search, è un motore di ricerca e si propone di far guerra sul lungo periodo ai giganti del settore, Google in primis, promettendo di fornire "risultati di migliore qualità".

Il "valore aggiunto" che secondo Wales questa proposta ha è l'essere un progetto "aperto agli utenti in due modi".

Il primo modo è rappresentato dall'interazione con gli utenti stessi, i quali possono assegnare un voto a ogni risultato ottenuto dal motore, attribuendogli da una a cinque stelle. In questo modo saranno gli utilizzatori stessi a migliorare le prestazione del motore di ricerca, migliorandolo sulla falsariga di Wikipedia, dove ognuno può portare il proprio contributo.

Il secondo modo riguarda il software che sta dietro a Wikia Search: si tratta di progetti open source, quale il sistema di indicizzazione Grub acquisito nel luglio dell'anno scorso.

Wales tiene molto a questo secondo punto: mentre l'algoritmo che permette a Google di funzionare è segreto, ciò che muove Wikia è a disposizione di tutti, tutti possono conoscerlo, studiarlo e migliorarlo.

Wales sostiene che Wikia porterà una piccola rivoluzione: permetterà agli utenti di trovare ciò che davvero vogliono, garantendo che i risultati che verranno mostrati per primi saranno davvero i più importanti e adatti alle esigenze. Gli utilizzatori stessi, infatti, faranno sì che il motore di ricerca funzioni al meglio, cosa che tornerà a loro stesso vantaggio.

L'importanza sempre maggiore che acquisiscono i motori di ricerca nell'accesso alle informazioni ha spinto Wales al grande passo. Attualmente il progetto Wikia Search è ancora in alpha e il suo fondatore prevede che ci vorranno un paio d'anni prima di entrare a regime e di raggiungere la "massa critica".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

sviluppo del motore? per ora mi basterebbe capire come segnalare un nuovo sito :lol: :wink:
12-1-2008 10:12

Io ho notato che restituisce molti meno risultati di Google, il che non so se sia un bene o un male. Francamente, non potendo dare alcun contributo a livello di sviluppo del motore, non vedo questa grossa novità... :wink:
11-1-2008 17:35

sto girovagando nel motore e tentando di capire il vantaggio di certe funzionalita' tipo il comparire dei successivi dieci risultati SOTTO ai precedenti anziche' in una pagina a parte e malgrado all'inizio sia spiazzante, l'idea non e' male molto interessante anche questo: il segreto dell'algoritmo di google e gli esperimenti portati... Leggi tutto
10-1-2008 11:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dicono che il software è la parte del computer contro la quale è possibile solo imprecare, l'hardware è quella che si può anche prendere a calci. Quale hai preso a calci più frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1401 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics