Torvalds: per Microsoft i brevetti sono solo marketing

Il creatore di Linux sostiene che Microsoft non userà mai i propri brevetti per affossare il Software Libero e spera di vedere i maintainer del kernel includere anche quei driver che non sono perfetti ma di cui gli utenti hanno bisogno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-02-2008]

Linus Torvalds

La questione dei brevetti software è un argomento che desta sempre notevole interesse e preoccupazione, specialmente in chi si occupa di Open Source. In particolare, ciò che i cultori del software libero paventano è il ricorso, da parte di Microsoft, proprio agli innumerevoli brevetti che questa ha registrato per stroncare sul nascere quella che potrebbe essere una minaccia per il suo monopolio.

Non è questa l'opinione di Linus Torvalds. Nella seconda parte di un'intervista rilasciata al direttore della Linux Foundation, il creatore di Linux sostiene che Microsoft non userà mai il proprio parco brevetti come un'arma per tentare di eliminare la concorrenza. Perché? Perché subito i suoi avvocati obietterebbero: "Non facciamolo. Sembra folle", considerato che già la società si trova in condizioni di monopolio. Inoltre è molto più comodo agitare le questioni di proprietà intellettuale come uno spauracchio. Al limite, potranno pensare i maligni, Microsoft si limiterà a finanziare quanti decidano di tentare l'impresa, come Sco.

Secondo Torvalds i brevetti sono, per Microsoft, più che altro una questione di marketing: "Non penso che Microsoft abbia mai perseguito qualcuno a causa dei brevetti. Sono stati perseguiti da altra gente ma non credo che abbiano mai usato i brevetti come un'arma. Ma sono perfettamente felici di usare qualunque cosa per diffondere paura, incertezza e dubbio".

Insomma, tutta la questione della violazione di proprietà intellettuale da parte di Linux non sarebbe altro che parte di una politica tesa a diffondere Fud per spaventare gli utenti e spingerli a non abbandonare Windows. Se si pensa che a maggio dell'anno scorso Microsoft dichiarava che Linux e in generale i prodotti Open Source violano 235 brevetti di proprietà di Redmond, si vede quale sia l'impegno profuso in questa campagna.

Le dichiarazioni, comunque, non si sono fermate qui: Torvalds ha anche affermato di voler vedere alcuni cambiamenti nell'atteggiamento degli sviluppatori del kernel di Linux. Attualmente, dice, gli sviluppatori mantengono dei criteri troppo elevati nel decidere che cosa possa essere incluso nel ramo principale e che cosa vada invece rifiutato. In tal modo molte proposte, esperimenti e novità non vengono presi in considerazione: uno dei gravi effetti di questa politica è la carenza di driver, specie per i dispositivi hardware più recenti.

L'esempio più ovvio riguarda quei produttori che includono dei driver nella propria versione personalizzata dal kernel, mentre questi stessi driver non possono entrare a far parte del "tree" ufficiale perché considerati non sufficientemente perfetti. Un comportamento del genere costringe gli utenti a fare i salti mortali per far funzionare alcune periferiche con un kernel che non sia quello fornito dal produttore, impedendo così o rendendo difficili gli aggiornamenti del cuore stesso di Linux.

Sarebbe quindi bello che non si aspettasse di raggiungere la perfezione del codice prima di introdurlo nel kernel: "Non vogliamo introdurre cose di cattiva qualità, ma d'altro canto tutto ha inizio da radici men che perfette".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Concordo con Ivan: se non si farà qualcosa, nell'immediato futuro, Linux finirà per annoiare. E' una macchina stupenda, nessuno lo mette in dubbio: non tutti acquistano macchine per tambarare nel cofano, però! I drivers, in questo senso, come Torvalds stesso (penso) vuol far notare, sono essenziali al di là di ogni buona ideologia...... Leggi tutto
6-2-2008 11:55

Certo, ma esistono anche altre attività e derivati oltre quella di far sapere che Linux esiste e che è open source e gratis. E poi, per chi lo ha fatto, è possibile ritornare da Vista a XP e continuare ad usare applicazioni evolute. Leggi tutto
6-2-2008 10:16

Pensa a com'era Linux sette anni fa e pensa a com'è adesso. Ha fatto progressi enormi. Ora pensa allo stesso arco di tempo per windows: è rimasto uguale (xp nel 2001 e xp nel 2008) o addirittura è peggiorato (vista) Leggi tutto
6-2-2008 09:11

Sì, adesso sarebbe il momento. Leggi tutto
6-2-2008 08:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di più e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (3309 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics