Cogenerazione, una rivoluzione energetica sottotraccia

E' possibile risparmiare energia mentre la si produce?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-02-2008]

cogenerazione energia per risparmiare

Rendimento, s.m., "Rapporto, sempre minore di uno, tra l'energia ottenuta in forma utile e quella spesa in una trasformazione di energia". Una definizione che può forse stupire un popolo abituato a collegare la parola agli investimenti finanziari o al massimo al TFR. Eppure se le dimenticate nozioni di fisica apprese a scuola fossero un po' più presenti nella mente, tanti discorsi che si fanno sulla questione energetica nazionale prenderebbe un'altra, più positiva, piega.

Quella tersa definizione, tratta dal Nuovo Zingarelli, ricorda infatti che quando si trasforma una forma di energia in un'altra è inevitabile che una parte vada persa. Quanta parte è il dettaglio decisivo. Una centrale termica ha un rendimento nella produzione di energia elettrica che va dal 40 al 55 per cento (per le più avanzate).

A sua volta, l'energia elettrica quando viene utilizzata per trasformarla in lavoro utile (accendere una lampadina, far girare un motore) ha un rendimento inferiore a uno. In questa fase di utilizzo si concentrano di solito le attenzioni e gli appelli al risparmio di energia, tutti necessari e preziosi.

Se si fa un calcolo, però, si scopre che ogni punto percentuale di rendimento guadagnato "a monte" ha un peso maggiore di un punto risparmiato nell'utilizzo finale. Insomma, risparmiare energia conviene, conviene anche di più se lo si fa producendola.

Non è che sia un novità, ma la tecnologia negli ultimi anni si è sviluppata fino al punto da consentire due rivoluzioni: aumentare enormemente il rendimento di un impianto con l'accorgimento di moltiplicare i livelli di conversione dell'energia primaria consumata, e ridurre le dimensioni degli impianti a taglie sempre più piccole.

Il primo punto va sotto il nome di produzione combinata o cogenerazione, che però in Italia vanno distinte perché di cogenerazione si può parlare solo se vengono rispettati determinati limiti di efficienza.

Può sembrare una distinzione tecnicamente irrilevante e invece economicamente lo è, perché solo agli impianti di "cogenerazione" in senso stretto vanno da noi i benefici e gli incentivi previsti da varie normative. Per questo useremo sempre "cogenerazione".

Effettuando la conversione dell'energia contenuta nel combustibile in elettricità e calore in un unico processo (ci sono diversi metodi) il rendimento complessivo sale oltre il 70 per cento, con punte dell'85. L'energia termica può essere utilizzata sotto forma di vapore, necessario in una serie di processi industriali oltre che per il riscaldamento degli ambienti, e negli impianti più recenti anche per produrre refrigerazione (può sembrare un paradosso, ma con il vapore si può per esempio alimentare un compressore, il nucleo di un impianto frigorifero).

Il freddo può essere usato per processi industriali, come nell'alimentare (uno dei primi settori dove la cogenerazione si è diffusa, perché serve anche vapore, per cuocere) ma anche per il condizionamento degli ambienti. In questo caso si parla di "trigenerazione".

L'utilizzo dell'elettronica per il controllo del funzionamento e di materiali innovativi nella sua costruzione hanno portato di anno in anno la taglia utile degli impianti di cogenerazione sempre più in basso. Oggi esistono prototipi da 1 KW, mentre dall'altra parte si arriva ai centinaia di MW di vere e proprie centrali.

Questo ventaglio di dimensioni è manna per la struttura industriale e non solo (si pensi agli ospedali) del nostro Paese. Da uno studio del 2005 condotto dal GSE risultava infatti che, a parte l'industria chimica e quella della raffinazione degli idrocarburi, la taglia media degli impianti di cogenerazione andava da 17,4 MW per l'industria cartaria a 100 KW per i grandi impianti sportivi.

La cogenerazione è incentivata a livello pubblico, anche se non ad alto profilo come le fonti rinnovabili. Dal combinato disposto di varie direttive europee, leggi italiane e delibere dell'Autorità, oggi da noi gli impianti di cogenerazione comportano una seri di vantaggi: esenzione dall'obbligo di acquisto di certificati verdi; diritto all'utilizzazione prioritaria da parte del Gestore, dell'energia elettrica prodotta in cogenerazione, dopo quella prodotta da fonti rinnovabili; diritto al rilascio di certificati verdi (per i soli impianti di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento); qualifica di Cliente Idoneo sul mercato del gas naturale (per la sola quota di gas utilizzata in cogenerazione); possibile ottenimento di "titoli di efficienza energetica" commerciabili.

Per accedere a questi benefici è necessario sottoporsi a una procedura che comporta alla fine l'emissione di un Garanzia di Origine. Questa procedura ha una trafila semplificata per gli impianti di piccola (sotto un MW elettrico) e piccolissima (micro), sotto i 50 KW elettrici, taglia.

Solo lo scorso novembre il Ministero ha dato il via libera al GSE per avviare queste procedure, per cui ora il mercato opera in un condizione di certezza delle normative ed è pronto per crescere ancora rispetto al 78 TW/ora complessivi (metà elettrici, metà termici) prodotti nel 2005 (ultimo anno per il quale sono disponibili dati, il Ministero dello Sviluppo Economico non ha ancora rilasciato il rapporto annuale atteso per il 21 di questo mese). Si trattava del 13 per cento dell'energia elettrica prodotta in Italia, quindi una cifra non indifferente. Un'altra rivoluzione sottotraccia, quindi.

C'è infine da considerare che il "motore" primario di un impianto di cogenerazione può essere di molti tipi, idrocarburi liquidi e solidi, ma anche biomasse, biogas e calore non proveniente da combustione. Se non volete pensare al nucleare, pensate sicuramente al solare termodinamico. Ma su questo torneremo.

La seconda giornata delle Giornate della Microgenerazione, in programma i prossimi 4 e 5 marzo a Roma presso lo Spazio Etoile, è proprio dedicata interamente a "Tra incentivi e normative: la nuova cogenerazione per le PMI".

Maggiori dettagli sulle Giornate della Microgenerazione sono reperibili qui, dove è anche possibile preregistrarsi per la partecipazione gratuita.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
A Helsinki c'è anche il teleraffreddamento

Commenti all'articolo (4)

Diciamo che, costi a parte, il vero problema Ŕ legato al fatto che la cogenerazione/trigenerazione non Ŕ per tutti. In linea di massima Ŕ applicabile a tutti quei casi in cui si verifica una richiesta di calore abbastanza costante nel corso dell'anno, per esempio in un ospedale o nel settore industriale. Poi per˛ c'Ŕ la realtÓ... e... Leggi tutto
10-3-2008 21:20

E' inveitabile: secondo principio della termodinamica Leggi tutto
4-3-2008 23:11

Ciao, la cogenerazione in effetti Ŕ molto intelligente, oltre che ormai presente sul mercato da molti anni: il primo TOTEM prodotto da una nota casa automobilistica italiana usava il motore della 127. Ha solo un costo ancora decisamente elevato per impianti di piccola taglia... Ciao, Paolo.
29-2-2008 15:38

Risparmiare energia si pu˛ Leggi tutto
27-2-2008 12:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitÓ
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitÓ politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5138 voti)
Febbraio 2020
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics