Satellite abbandonato a causa di un brevetto

Il satellite Amc-14 non può essere salvato perché la procedura per il recupero è brevettata. Verrà quindi fatto schiantare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-04-2008]

Satellite abbandonato a causa di un brevetto

Ses Americom, la più grande azienda di satelliti commerciali, ha perso uno dei suoi satelliti, Amc-14. Lanciato in marzo, non è riuscito a posizionarsi nell'orbita geostazionaria prevista e si è quindi rivelato inutile.

La compagnia, pensando agli ingenti investimenti che lanciare un satellite richiede, avrebbe voluto salvarlo riposizionandolo nell'orbita corretta ma, non appena elaborato un piano, ha scoperto che quel sistema era già stato brevettato dalla Boeing: per poterlo utilizzare, quindi, dovrebbe quantomeno pagare.

Il piano prevede ciò che in termine tecnico è chiamato "lunar flyby", ossia una procedura che comporta il passaggio intorno alla Luna: proprio questo processo è protetto dal brevetto registrato da Boeing.

Probabilmente Ses Americom pagherebbe anche quanto dovuto se non fosse che, per sfortuna, ha già un contenzioso legale aperto con Boeing, relativo ad altre faccende. Boeing, venuta a sapere dei guai di Ses Americom, ha annunciato che le lascerebbe volentieri sfruttare il proprio brevetto se solo lei lasciasse perdere la causa che le oppone.

Salvare il satellite, permettendogli di funzionare per i prossimi quattro anni e forse più a lungo ma cedendo al ricatto di Boeing, o abbandonare il poveretto al suo destino e casomai sostituirlo con uno nuovo? La scelta non è stata difficile: visto che per legge è obbligata a mettere il satellite errante in sicurezza - sistemandolo in orbita geostazionaria o facendolo deorbitare fino a schiantarsi sulla Terra - Ses Americom ha deciso per la distruzione.

L'idea è di limitare i danni incassando i soldi dell'assicurazione sul satellite, essendosi tra l'altro l'azienda originariamente dimenticata di accennare agli assicuratori dell'esistenza di un piano per salvarlo, sia pure viziato dal brevetto di Boeing.

Inoltre, stando alle clausole standard, la compagnia assicuratrice, pagando la richiesta di risarcimento, potrebbe legalmente diventare la proprietaria del satellite, anche se solitamente ciò non succede e la proprietà resta comunque all'azienda. Se lo volessero, muovendosi in fretta gli assicuratori potrebbero dunque rivendere il satellite a un'altra compagnia, magari disposta a salvarlo e senza pendenze con la Boeing.

A completare il quadro spicca il fatto che il brevetto detenuto da Boeing non avrebbe un gran valore, secondo gli esperti: non reggerebbe se portato dinanzi a una corte, e poté essere registrato solo per l'incompetenza dell'ufficio brevetti.

Tutto ciò non ha però più alcuna importanza, considerato che lo schianto del satellite è previsto entro pochi giorni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Sai che novità un "lunar flyby", come possibile br Leggi tutto
15-4-2008 08:59

E sull'assurdità dei comportamenti delle assicurazioni Leggi tutto
15-4-2008 08:32

Sull'assurdità dei comportamenti umani Leggi tutto
15-4-2008 02:30

Sempre più assurdità nelle cose brevettabili. Appunto perchè non di "cose" si tratta, ma di pensieri. Un conto sarebbe stato brevettare una tecnologia, una attrezzatura.. ma l'idea da seguire è inverosimile!
14-4-2008 14:09

E se si schianta in testa a qualcuno che strXXXo non è? :x Leggi tutto
14-4-2008 10:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' buona l'acqua del rubinetto?
Sì. La bevo quasi sempre.
No. Di solito bevo acqua in bottiglia.
Sì, ma di solito bevo acqua in bottiglia.

Mostra i risultati (5952 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics