"Sei un pirata", te lo dice Vista

Un aggiornamento del sistema permette a Microsoft di scoprire le copie illegali: l'utente viene invitato a regolarizzarsi, oppure a cancellare il sistema operativo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-05-2008]

Già incluso nel Service Pack 1 per Windows Vista e capace di scoprire le copie illegali utilizzanti i crack più noti, dagli emulatori di BIOS ai "rinverdenti" la data di scadenza del tipo Grace Timer, un banalissiomo aggiornamento (KB940510) si installa in automatico e verificherà in permanenza se il sistema operativo sia da ritenere legale oppure no.

Secondo fonti attendibili interne all'azienda, Microsoft non si illude di eliminare il fenomeno ma solo di arginarlo, almeno in parte; al di là delle belle parole, pare di capire che il preteso "aggiornamento" agisce esattamente come un virus, attivandosi in modo casuale per verificare l'autenticità della copia di Vista in uso. Inoltre, si specifica da Redmond, l'aggiornamento sarà via via migliorato per scoprire eventuali nuovi hack messi in campo dai pirati.

Di parzialmente positivo, in tutta la vicenda, c'è solo che la copia ritenuta piratata non verrà bloccata e resa inutilizzabile ma comparirà permanentemente in basso sullo schermo una scritta ammonitrice, allo scopo di ricordare la contraffazione.

Il deterrente va a colpire tutti quegli utenti che scaricano e installano automaticamente gli aggiornamenti, mentre restano immuni tutti coloro che si guardano bene dall'installare tutto quanto viene proposto e presentato da Microsoft come aggiornamento o patch.

Almeno per ora, Microsoft pare contentarsi del deterrente psicologico e afferma che il programma non compromette la sicurezza e la stabilità del sistema operativo mentre gli hack utilizzati per piratare Vista spesso aprono backdoor e veicolano informazioni riservate.

La lotta alla pirateria continua invece a essere effettuata tramite l'identificazione dei rivenditori di Pc che commercializzano macchine con installate copie contraffatte del sistema operativo, basandosi sulle denunce dei clienti, dei concorrenti o degli "ispettori alle vendite" espressamente formati e autorizzati (il cosiddetto mystery shopping).

Quanto alla disinstallazione della copia illegale, Microsoft propone sia un procedimento automatico scaricando un programmino apposito, sia uno manuale editando il registro di sistema.

E' d'obbligo un fondo di diffidenza verso tutta la procedura messa in campo da Microsoft, anche se ideata per fronteggiare un abuso; perché diffondere un programma che di fatto si comporta come un virus (anche se non malevolo) non pare proprio il massimo dell'etica, non soltanto commerciale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

mah ! non se stanno sbagliando tutto ! Leggi tutto
31-5-2008 10:47

Questi controlli Microsoft li sta già effettuando anche con chi ha caricato un pacchetto Office clonato. Attenzione, dunque. :old:
30-5-2008 19:57

Il problema è nel metodo usato da M$, che fatalmente coinvolge le conclusioni. Infatti un normale acquirente scopre ( ma solo dopo aver aperto la scatola del programma) di essere non un proprietario ma solo un legittimo detentore; perciò il contratto sarebbe già di per sé annullabile e forse addirittura nullo. In secondo luogo,... Leggi tutto
30-5-2008 17:27

Ribaltando le dichiarazioni di Microsoft, sarebbe interessante sapere se questo aggiornamento è disinstallabile senza compromettere la stabilità del sistema operativo e dell'SP1 e, nel caso, se la disinstallazione inibisce futuri aggiornamenti tramite Windows Update
30-5-2008 16:35

{ercolinux}
Non sono d'accordo Leggi tutto
30-5-2008 15:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2352 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics