Ancora grane per il formato OOXML di Microsoft

Dopo il sì della commissione tecnica dell'ISO, altri Paesi ricorrono contro la decisione, accusando il gigante americano di manovre poco chiare per fare approvare il proprio formato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-05-2008]

ooxml

Facendo seguito alle scelte di Cina, India, Brasile e Nuova Zelanda, anche il Sud Africa ricorre avverso la decisione del Comitato Tecnico dell'International Organisation for Standardization (ISO) che nel marzo scorso, seguendo un'analoga presa di posizione dell'International Electrotechnical Commission (IEC) ha deciso di ammettere alla normalizzazione il formato OOXML di Microsoft.

Poiché col 29 maggio è scaduto il termine per la presentazione di ulteriori ricorsi, è da ritenere che ormai i giochi siano pressoché conclusi, con l'approvazione da parte di USA e Germania e l'ambigua posizione della Francia che, espresso parere favorevole in seno del Comitato ISO, si è poi vista bocciare il sì dall'Afnor (Association Francaise de Normalisation) che è l'ente giuridicamente preposto a rappresentare quella nazione presso l'ISO.

La storia è abbastanza nota, ma giova ripeterla per fare il punto su una situazione assai confusa, in cui da Redmond si ammette di essere intervenuti per forzare la situazione ed ottenere il riconoscimento in tempi brevi (ma anche IBM si è data da fare per difendere i propri interessi lobbystici, ribattono i top manager dell'editore americano); intanto la Commissione Europea è entrata in febbraio a rimescolare le carte, iniziando un'indagine sulle possibile "interferenze" verificatesi in Norvegia per ottenerne l'assenso.

Attendendo i risultati dell'inchiesta comunitaria, che tocca un po' tutti i Paesi aderenti, il comitato tecnico dell'ISO sembra prendere tempo suggerendo un compromesso che potrebbe contentare tutti e nessuno; e cioè determinare uno standard ISO "di transizione" cioè con una compatibilità limitata sia verso lo standard proprietario di Microsoft sia verso l'Open Document, rimettendo la piena compatibilità del formato OOXML a un futuro nebuloso e incerto.

In verità, pare che all'ISO non sappiano più quale pesci prendere, forse dopo essersi in qualche modo compromessi con Redmond, e cerchino di lavarsene le mani ipotizzando una soluzione convergente tra i due formati all'insegna del "vedetevela un po' tra voi".

Nel frattempo Tom Robertson, a capo del team si sviluppo di OOXML, pare sia già stato sentito nell'ambito dell'inchiesta comunitaria e abbia assicurato la piena collaborazione di Microsoft; proprio in tale occasione avrebbe fatto osservazioni in ordine alle pressioni messe in atto "da IBM e da altre aziende che si oppongono alla normalizzazione" del nuovo standard, posizione per altro conìdivisa in seno alla delegazione francese che pare oltremodo ansiosa di farsi perdonare dal gigante americano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Non curioso che ci sia pi di uno standard? Non ce ne dovrebbe essere uno solo? :-k Ogni produttore si pu svegliare alla mattina e proporre il proprio formato come standard? A questo punto mi sfugge il concetto di standard....... Leggi tutto
31-5-2008 23:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi scaricare la canzone 'Yesterday' dei Beatles; esistono varie opzioni su Internet. Quale file scarichi tra i seguenti?
Yesterday-Beatles-Song.scr
Beatles_All_songs.zip
Beatles_Yesterday.mp3.exe
Betles-Yesturday.wma

Mostra i risultati (1573 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics