Acer entra nel mercato dei subnotebook low cost

Acer presenta Aspire One, miniportatile da 299 euro, in diretta concorrenza con l'Eee Pc 1000 di prossima introduzione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2008]

Acer Aspire One contro Asus Eee Pc

Ormai i rivali dell'Eee Pc non si contano: Asus, lanciando il primo ultraportatile economico (di grande successo), ha dato il via a una serie di emulatori che non vogliono lasciarsi scappare una succosa nicchia di mercato.

Ora è dunque la volta di Acer che ha presentato Aspire One, un subnotebook da 299 euro che pesa meno di un chilo ed è equipaggiato con un processore Intel Atom.

L'Atom N270 (che lavora a 1,6 GHz) è accompagnato da 512 Mbyte di Ram Ddr2 (e un ulteriore slot di espansione), un display da 8,9 pollici che supporta una risoluzione di 1024x600 pixel a 262.000 colori e una webcam da 1,3 megapixel.

Il prezzo di 299 euro riguarda la versione equipaggiata con Linux; esiste anche una versione che monta Windows Xp ma il cui prezzo dovrebbe essere intorno ai 400 euro. A giustificare la differenze, oltre al sistema proprietario, c'è la presenza di un hard disk da 80 Gbyte (anziché un disco a stato solido da 8 Gbyte come per la versione Linux).

Un'altra differenza tra le due versioni, sicuramente meno gradita agli utenti, riguarda la durata delle batterie: l'Aspire One equipaggiato con Linux ha un'autonomia dichiarata di tre ore con la batteria standard e di sette ore con quella opzionale; quello con Windows, invece, può funzionare rispettivamente per due ore e mezza e cinque ore.

A completare la dotazione hardware vi sono il supporto Ethernet 10/100 e WiFi (802.11b/g), tre porte Usb 2.0, uscita e ingresso audio, porta Vga e due lettori di schede: uno Sdhc e uno multiformato.

Inoltre sono presenti due slot MiniPci, uno dedicato al WiFi e uno pensato per ospitare i moduli WiMax o Hsdpa.

L'Aspire One sarà in vendita a partire dal 10 luglio in Spagna, Italia, Francia, Regno Unito, Francia e Germania, mentre i piani per la distribuzione negli Stati Uniti non sono ancora stati rivelati.

Intanto Asus non resta a guardare i propri concorrenti e, con una mossa a sorpresa, sembra che presenterà già al Computex di Taiwan, che apre il 3 giugno, il modello EeePc 1000 (con un display da 10 pollici, processore Atom e una tastiera grande quasi quanto una tradizionale per notebook). Con questo ritmo di crescita viene da chiedersi per quanto ancora si potrà parlare di subnotebook.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

bŔ una licenza xp si aggira sui 100 euro al pubblico credo... metti che all acer le faranno pagare un ottantina di euro per 1000 pezzi, ed ecco spiegato 8) e notoriamente xp consuma maggior batteria di linux, succede anche con l' asus EEE da 7" ) cmq Ŕ eccellente il rapporto prezzo/prestazioni... Ŕ come se si fossero messi a... Leggi tutto
25-6-2008 17:20

Tra i tanti concorrenti questo mi sembra un'ottima soluzione, solo non capisco tanta differenza fra linux based e windows, sia di prezzo che di hardware
4-6-2008 19:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1186 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics