Meno intercettazioni ma più libertà di stampa

Va bene ridurre il numero delle intercettazioni ma non si deve ridurre la liberà di informazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-06-2008]

La situazione italiana di evidente abuso dello strumento investigativo delle intercettazioni richiedeva certamente una legge che ne restringesse l'ambito di utilizzo e le procedure per autorizzarle. Lo stesso "scandalo Tavaroli", con una organizzazione illegale interna a Telecom Italia che teneva sotto contro ignari cittadini, politici, sindacalisti, giornalisti, non avrebbe potuto verificarsi se non ci fosse stata una potente centrale che, a livello nazionale, supportava le intercettazioni legali.

Il problema è che questo centrodestra, così sensibile alle intercettazioni ordinate dalla magistratura, non fu altrettanto sensibile né al governo dal 2001 al 2006 (quando con la complicità di parti dei servizi segreti si sviluppo la strategia di Tavaroli), né all'opposizione. Anzi, Renato Farina, il giornalista più coinvolto in queste torbide trame, tanto da essere espulso dallo stesso Ordine dei giornalisti, è stato eletto senatore da Forza Italia.

Un conto è restringere la possibilità delle intercettazioni da parte della magistratura. Questo è un tema che dovrebbe essere più caro alla sinistra (garantista per definizione) che a una destra, che invece su una "emergenza sicurezza", in parte gonfiata e molto strumentalizzata, ha costruito le sue fortune elettorali.

Ben altro conto è approfittare della legge che restringe la possibilità di intercettare per criminalizzare i giornalisti, introducendo pesanti pene detentive (fino a 3 anni) non solo per chi pubblica il testo di intercettazioni coperte da segreto, ma perfino le indagini preliminari.

Intraprendere la strada del carcere, invece delle sanzioni pecuniarie più elevate per gli editori, dà l'idea di una volontà di ridurre e limitare soprattutto il diritto di informare ed essere informati. Si potrebbero invece penalizzare quanti, violando il segreto d'ufficio, forniscono i testi delle intercettazioni: dai giudici ai cancellieri, ai componenti delle forze dell'ordine.

In un Paese come l'Italia, il sistema informativo già soffre di limiti pesanti: la concentrazione in poche mani dell'editoria e della pubblicità, il conflitto di interessi, il disinteresse e lo scarso numero dei lettori, l'egemonia della Tv sui media, la precarietà lavorativa di troppi giornalisti.

Queste gravi misure che si prospettano peggiorano solo la situazione. A sostenere questa tesi non è solo la stampa di sinistra o antiberlusconiana: lo affermano anche giornalisti dichiaratamente simpatizzanti per il centrodestra come Mario Cervi e il presidente dell'Ordine dei giornalisti Angelo Del Boca.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

{Malcom1975}
Era meglio fare il contrario! Leggi tutto
24-6-2008 17:55

Quoto in toto!!!! Leggi tutto
23-6-2008 21:41

Forse non riesco a spiegarmi.... Leggi tutto
23-6-2008 12:17

{Michela}
arrestateci tutti Leggi tutto
23-6-2008 12:00

Credo che dovremo accettare lo stato delle cose e lo zeitgeist, lo spirito dei tempi. Così come i popoli che vivono nelle aree interessate accettano l'arrivo dei monsoni. Viviamo in un paese che è fatto così, noi tutti, chi più chi meno è fatto così. Non siamo dei bravi nuotatori ma sappiamo galleggiare, soprattutto quando la densità del... Leggi tutto
23-6-2008 11:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale stanza renderesti più smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (850 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics